Sonniferi al figlio per andare al lavoro, condannata a tre anni

La donna, 46 anni ritenuta responsabile di abbandono di minore, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia. Il difensore ricorrerà in appello

varie

«Non volevo fargli del male». È stata questa la reazione della donna nel 2016 quando gli agenti della polizia locale le chiesero conto di quel gesto pericoloso: dare del sonnifero al figlio di 10 anni per farlo dormire mentre lei era al lavoro.

Per questo gesto la donna è stata condannata dal giudice di Varese a tre anni di reclusione, ritenuta colpevole dei reati di abbandono di minore, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia.

I fatti si riferiscono a quanto avvenuto quattro anni fa a Gavirate dove la donna di origini polacche era arrivata dopo il naufragio del matrimonio col padre naturale del bambino.

C’era da mantenere il piccolo e trovare un lavoro, mentre anche la relazione con un altro uomo si stava per interrompere.

Fu i questo contesto che vennero avvisati gli agenti della polizia locale proprio dall’ex compagno: gli agenti trovarono il bambino in stato confusionale, in condizioni igienico sanitarie precarie e lo portarono in ospedale dove i sanitari capirono subito che gli era stato dato del tranquillante.

Così è scattata la denuncia e l’allontanamento del figlio che si trova tuttora in una struttura protetta. Il difensore della donna, l’avvocato Luca Carignola ricorrerà in appello: «Il comportamento da madre può essere discutibile, ma l’accertamento della responsabilità in sede penale è altra cosa e sosterremo in secondo grado l’assenza di dolo. Del resto la stessa imputata ha sempre affermato di non aver mai avuto intenzione di nuocere al figlio».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.