Solbiate Arno perde Davide Baviello, il re della panificazione

Davide Baviello è venuto a mancare questa mattina per un infarto

Davide Baviello necrologie 2020

Davide Baviello, il maestro della panificazione, si è spento questa mattina, martedì 22 dicembre, a Solbiate Arno.

Papà di Antoine, Fabrizio, Alexander e nonno di sei nipoti, Baviello è stato colpito da un infarto.

La sua è la storia di una dedizione per la panificazione durata più di quaranta anni: il suo primo panificio, aperto a Solbiate nel 1976, è una vera e propria istituzione. La sua attività è molto conosciuta nel basso Varesotto, dove ci sono circa una dozzina di punti vendita.

Dopo essere emigrato in Svizzera a diciannove anni per fare il contadino, tornò in Italia nel 1976 e la sua attività imprenditoriale nacque da un’intuizione: la sua carriera è iniziata in uno scantinato, dopo tre anni acquistò un terreno per muovere i primi passi. A lui si deve l’invenzione dei buttalà.

La sua eredità verrà raccolta dal figlio Fabrizio. I funerali si terranno mercoledì 23 dicembre, alle 14.30, nella chiesa cittadina.

Per lasciare una partecipazione

Davide Baviello

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.