Dopo 7 mesi Paolo Efrem esce dal carcere

L'ex-consigliere comunale di Busto Grande, arrestato a luglio nell'ambito di un'operazione contro le infiltrazioni della 'ndrangheta nel ramo dei rifiuti, è tornato a casa. Il processo va avanti

Paolo efrem matteo guarneri

Paolo Efrem è tornato a casa. Da oggi, giovedì, non è più detenuto e ha potuto riabbracciare la famiglia dopo il suo arresto avvenuto a luglio dello scorso anno con l’accusa di aver favorito la ‘ndrangheta attraverso l’emissione di fatture false nei confronti di un’azienda di trattamento rifiuti, la Smr ecologia di Matteo Molinari, poi divenuto suo grande accusatore.

Il processo che lo vede imputato insieme a Daniele Frustillo, Giovanni Lillo, Raffaele e Vincenzo Rispoli prosegue ma l’esigenza cautelare non è più necessaria per l’ex-consigliere comunale di Busto Grande in quanto il principale teste del processo ha già deposto e quindi non può più essere condizionato dall’eventuale liberazione degli imputati. Gli altri quattro, gravati anche da misure di custodia derivanti da altre inchieste e processi, rimangono in carcere.

Chi è Paolo Efrem

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.