A scuola a piedi in sicurezza: a Cassano si sperimentano le “zone scolastiche”

Prime prove dal 30 aprile intorno alle scuole Rodari, da lunedì anche alle Fermi: una parte delle strade intorno alle scuole sarà chiusa al traffico

a scuola a piedi

Il debutto è per venerdì 30 aprile 2021, alle “Rodari”: «Dopo lunghi mesi di lavoro, grazie alla collaborazione degli Istituti scolastici, dei Comitati Genitori e del Comune di Cassano Magnago, partiremo con la sperimentazione delle ‘zone scolastiche‘», annuncia il sindaco Nicola Poliseno.

Le zone scolastiche prevedono la chiusura al traffico per un periodo di tempo limitato di alcune strade nei dintorni delle scuole, per rendere più sicuro e piacevole l’entrata e l’uscita.

«Con specifica delibera della Giunta Comunale, il Comune si è dato degli importanti obiettivi inerenti la mobilità sostenibile coinvolgendo la cittadinanza. L’obiettivo di questa sperimentazione è garantire la sicurezza degli alunni nei momenti più a rischio (ingresso e uscita da scuola) e di comune accordo abbiamo deciso di chiudere al traffico per un periodo di tempo limitato alcune strade adiacenti i plessi scolastici, per permettere alle Famiglie ed agli Studenti di raggiungere le scuole “in sicurezza”, sfruttando le aree di sosta limitrofe agli istituti per parcheggiare agevolmente e raggiungere la scuola a piedi».

La sperimentazione parte da due scuole “pilota”: la Scuola primaria Gianni Rodari e la Scuola Primaria Enrico Fermi.

Le Rodari partono appunto venerdì 30 aprile 2021.
In questo caso la Zona Scolastica prevede la chiusura al traffico temporanea sulla via Brunelleschi (nel tratto tra Via Vasari e Via Antonelli) tutti i giorni di scuola dalle 7:45 alle 8:10 e dalle 12:45 alle 13:10 (nei giorni di Martedì, Giovedì e Venerdì) e dalle 16:15 alle 16:40 (il Lunedì e Mercoledì).

L’altra scuola coinvolta è la Enrico Fermi, da lunedì 3 maggio 2021.
La Zona Scolastica qui prevede la circolazione sospesa sulla Via Fermi (nel tratto tra Via Gasparoli e Via San Carlo Borremeo) secondo i seguenti orari: • dalle 7:45 alle 8:10 e dalle 12:50 alle 13:15 (nei giorni di Martedì, Giovedì) • dalle 7:45 alle 8:10 e dalle 11:45 alle 12:15 (nel giorno di Venerdì) • dalle 7:45 alle 8:10 e dalle 15:45 alle 16:10 (il Lunedì e Mercoledì).

Potranno transitare a passo d’uomo solo i residenti, mezzi di soccorso, autobus/scuolabus, oppure auto provviste di contrassegno per l’invalidità.

«Comune e Genitori, attraverso un sistema di comunicazione capillare che ha permesso di raggiungere tutte le famiglie coinvolte, ha diramato anche una serie di “Consigli utili”, invitando tutte le famiglie ad organizzarsi per tempo, individuando la migliore soluzione per la sosta dell’auto, nelle numerose aree di soste lungo le vie limitrofe ai plessi scolastici. Ad esempio: per quanto riguarda la Scuola Rodari è consigliabile usare il vicino e grande parcheggio della Piscina comunale, mentre per la Scuola Fermi nell’usare i numerosi parcheggi lungo Via Redipuglia, Via Novara e Via San Carlo Borromeo».

«Sono state predisposti delle specifiche piantine per visionare con precisione ed in anticipo i punti di chiusura delle strade e per essere così tutti coinvolti in questa scelta importante, che cambierà anche il modo di concepire la Scuola, come luogo di educazione e attenzione all’individuo non solo dentro le aule ma anche all’esterno. Siamo coscienti che questa novità potrà arrecare qualche piccolo disagio, ma siamo certi che tutto il vicinato delle zone coinvolte e gli stessi genitori e bimbi apprezzeranno il grande impegno volto a garantire la sicurezza di tutti ed anche una particolare attenzione all’ambiente».

Le Zone scolastiche saranno oggetto di valutazione quotidiana da parte del sindaco, degli assessori Elena Giardini e Daniele Mazzucchelli, della Polizia Locale e dei Genitori, per ricevere informazioni utili e per correggere eventualmente l’organizzazione definita.

«Rivolgo il mio grazie personale e quello dell’Amministrazione comunale a tutti i volenterosi Genitori degli studenti, da subito protagonisti attivi di una voglia di cambiamento e di miglioramento della sicurezza fuori dalle Scuole, che si sono messi a disposizione come forza di volontariato in grado di collaborare con l’amministrazione comunale svolgendo un prezioso compito di sostegno e di partecipazione nella gestione delle zone scolastiche» prosegue Poliseno.
«Un ringraziamento ai volontari della Comunità Emmanuel che si sono messi a disposizione per presidiare insieme ai genitori le transenne a chiusura delle strade».

La sperimentazione durerà 15 gg. e se tutto procederà come previsto i prossimi plessi in cui verranno attivate le Zone scolastiche, prima del termine dell’anno scolastico in corso, saranno: la Scuola primaria Dante, la Scuola Media Maino e la Scuola primaria Parini.
«Da settembre la Zona scolastica sarà attiva su tutti i plessi della nostra Città».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.