Francesco Tomasella presenta la lista Varese Libera

Presentazione in piazza Monte Grappa nel pomeriggio di sabato 19 giugno dove ha riunito una cinquantina di simpatizzanti

Francesco Tomasella

Presentazione in piazza Monte Grappa per la lista Varese Libera di Francesco Tomasella, candidato sindaco, nel pomeriggio di sabato 19 giugno. In piazza ha arringato una cinquantina di simpatizzanti.

Ha citato l’esperienza di Madrid di Isabel Ayuso, la difesa di lavoro e libertà, non rappresentati dal centrodestra lombardo: «Ho creato un comitato, Comitato Lavoro e Libertà. Le scritte “riaprire tutto” a marzo/aprile le ho fatte io – ha detto facendo un lungo excursus temporale -. Poi a ottobre e novembre ci sono stati i “dieci radiosi giorni” con le manifestazioni contro le chiusure e per il diritto al lavoro. Non sono negazionista, vado fiero delle denunce e delle multe, ho combattuto per la libertà, sono medaglie al petto per me. Varese Libera ha dato voce ai commercianti, unica nel panorama politico, e anche #ioapro è nata da noi e non rinnego nulla: abbiamo fatto quello che non ha fatto il resto della politica».

Francesco Tomasella

Ha parlato della sua lotta per la definizione di morti “per” Covid e “di” Covid, ha attaccato il centrodestra, il centrosinistra, la militarizzazione delle città, i lockdown, l’obbligo delle vaccinazioni, di Astrazeneca che «fa più giovani morti del Covid», delle leggi anticostituzionali, ha citato Guccini contro “la politica che è solo far carriera”.

«Conosco bene Pinti, il candidato della Lega, ho cominciato poco dopo di lui nel Carroccio quando ero giovane – ha detto attaccando il probabile candidato della Lega alle prossime elezioni amministrative di Varese -. Mi avevano anche chiesto di candidarmi anni fa, ma ho rinunciato perché sono sempre stato un idealista, denunciavo dall’interno le malefatte leghiste. Pinti non ha mai lavorato, non so in cosa crede visto che ha cambiato idea cento volte. La popolazione e i partiti di centrodestra pensino bene a chi candidate e chi votare: io della politica non ne ho bisogno. La mia mano è tesa, ma noi non andiamo con nessuno, se mai gli altri vengono con noi che siamo gli unici coerenti».

Francesco Tomasella

Le sue idee per Varese contenute in un volantino e spiegate ai presenti: via le 1880 strisce blu, più parcheggi a disco orario e abbonamenti per chi lavora, via la Tari per 3 anni alle attività penalizzate dal lockdown, ammodernamento delle strutture sportive, investimenti per giovani, eventi e cultura, lotta a spaccio e degrado, mai più lockdown.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.