Sfuma il sogno del basket azzurro: Italia fuori a testa alta

La Nazionale battuta 75-84 dalla Francia dopo un match equilibrato: peccato per una percentuale troppo bassa da 3. Fontecchio-Gallinari i top scorer per Sacchetti

basket italia olimpiadi danilo gallinari foto fiba

Si conclude con una sconfitta nei quarti di finale il grande cammino dell’Italia del basket iniziato con il preolimpico di Belgrado e terminato a Tokyo solo al cospetto di una Francia molto più forte sul piano fisico, contro cui gli azzurri escono a testa altissima.

75-84 il finale a favore dei transalpini, ma punteggio che non racconta l’andamento di una gara nella quale la nazionale di Meo Sacchetti è rimasta punto a punto fino a poco più di un minuto dalla fine. A mancare, oltre al già citato atletismo (e del resto era una differenza nota), la precisone dall’arco dei 3 punti: solo 7/33 per l’Italia che – non a caso – quando ha infilato qualche conclusione da lontano all’inizio dell’ultimo periodo ha colmato un distacco in doppia cifra dai francesi. (foto FIBA)

A livello individuale, gli azzurri hanno avuto un’ottima prova offensiva dalla coppia Fontecchio-Gallinari: il primo (23 punti) è salito di tono dopo un avvio difficile contro l’ottimo Batum, il secondo ha via via preso confidenza con la partita siglando 21 punti con 10 rimbalzi e facendo anche il possibile in difesa contro i centimetri e la qualità di Gobert. Al quale è stato risparmiato un fallo tecnico in un momento cruciale.

Proprio il pivot è stato il principale rebus per l’Italia con i suoi 22 punti mentre Batum ha chiuso in doppia-doppia (15+14); tra gli esterni invece è stato Huertel (10 con 5 assist) a mettere in difficoltà i piccoli di Sacchetti, con Mannion che stavolta ha pagato lo scotto di un match di questo livello (appena 1/10 al tiro, 5 punti). Male anche Melli che aveva giocato molto bene con la Nigeria ma che stavolta ha chiuso con appena 2 in 14′ di impiego, tanto che Sacchetti non lo ha mai affiancato a Gallinari preferendogli Ricci o Polonara (15+7).

La Francia, che ha già battuto gli USA nel girone, confermano tutta la propria qualità e vanno in semifinale proprio come gli americani, bravi a piegare con Durant una Spagna veterana all’ultimo ballo (Rubio 38). Avanti bene anche la Slovenia di Doncic e Dragic sulla Germania in attesa di Luis Scola e dell’Argentina accoppiata all’Australia, ultima partita dei quarti. Per l’Italia la consapevolezza di un grande cammino, fermatosi a un soffio dal sogno semifinale tra gli applausi di tutto il mondo dei canestri.

Damiano Franzetti
damiano.franzetti@varesenews.it

VareseNews è da anni una realtà editoriale, culturale e sociale fondamentale per il territorio. Ora hai uno strumento per sostenerci: unisciti alla membership, diventa uno di noi.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Agosto 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. PaoloFilterfree
    Scritto da PaoloFilterfree

    Italbasket che, nell’utimo mese, ha superato ogni più rosea previsione. Grande Meo e ogni singolo giocatore. Scola: mai visto su campi olimpici un’ovazione di 2 minuti da parte di ogni presente, a partire dalla squadra avversaria. Che abbia giocato a Varese, dove speriamo possa proseguire la sua vita (agonistica e non), è un onore grandissimo. E’ una VERA LEGGENDA del Basket Mondiale.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.