Fontana a Gallarate: “Le proteste sugli ospedali arrivano sempre con le elezioni”

Il presidente di Regione Lombardia tranchant sulle preoccupazioni diffuse e le prese di posizione dei sindaci. Il sindaco Cassani: "Favorevoli all'ospedale unico, siamo certi che Regione punta sulla sanità"

Generica 2020

«Le proteste sugli ospedali escono sempre al momento delle elezioni: è un modo per spaventare i cittadini e per creare consenso verso una parte politica».

È tranchant, il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, nel liquidare le proteste e preoccupazioni (in particolare) dell’ultimo mese per il depotenziamento delle strutture sanitarie locali, in particolare per l’Asst Valle Olona.

Ultimo atto: la protesta dei sindaci (bi-partisan, di centrosinistra e di centrodestra) del bacino dell’ospedale di Somma, irritati dalle ultime dichiarazioni dell’azienda.

Per Fontana risponde a un disegno elettorale. «Posso assicurare che invece la medicina subirà sempre delle implementazioni in Lombardia» hacontinuato Fontana, di passaggio a Gallarate per visitare la mostra al Maga e vedere la nuova piazza della stazione insieme al sindaco ai militanti della Lega.
Fontana ha anche detto che le proteste sono a volte fuori bersaglio: «A San Giovanni Bianco (Bergamo, ndr) ho chiesto cosa volevano, che proposte facevano e neppure hanno saputo rispondere».

Nove sindaci per il Bellini di Somma: “Vogliamo essere coinvolti”

Anche per il sindaco di Gallarate Andrea Cassani il tema viene utilizzato dai suoi competitor a Gallarate «per spaventare i cittadini». C’è poi sullo sfondo il tema dell’ospedale unico, che soprattutto a Gallarate sta creando preoccupazioni e (anche) prese di posizione della politica.

Cassani ha difeso la sua presenza sul tema: «L’amministrazione ha interloquito con Regione Lombardia: noi siamo favorevoli di un nuovo ospedale, alla fine lo sono anche le opposizioni: un ospedale che non sarà sicuramente il progetto presentato qualche anno fa ai nostri amministratori. Le acuzie devono essere trattate in nuove strutture, mentre le cronicità troveranno risposta grazie alla nuova legge regionale. Manteniamo la guardia alta ma siamo certi che da parte di Regione c’è una intenzione di puntare sulla sanità, al di là delle boutade di chi vuole spaventare i cittadini».

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Settembre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Dott. Fontana non sia così ironico e piccato dalle critiche….abbiamo ancora tutti presente la gestione degli ospedali in Lombardia….vedasi Legnano dove si è attuato uno spreco di risorse immane…i cittadini non sono spaventati da pre-elezioni…sono semplicemente realisti di fronte al alcune scelte e ad alcuni scempi attuati da Regione Lombardia nel corso di decenni.
    Il monoblocco di Legnano oltre che contenere ancora macchinari ed infrastutture, rifiuti biologici pericolosi è anche dimora di sbandati e senzatetto. In stato completo di abbandono e in continua svalutazione anno dopo anno.
    https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/fuoridalcoro/abbandonato-anche-il-vecchio-ospedale-di-legnano_F310235401012C31

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.