Percepivano il reddito di cittadinanza nascondendo i redditi da frontalieri

In due casi si trattava di donne che hanno richiesto la misura di sostegno nascondendo nel proprio nucleo famigliare i redditi percepiti dai mariti o dal figlio oltreconfine

dogana valico frontiera generiche

Avevano chiesto il reddito di cittadinanza omettendo un piccolo particolare: i loro redditi in patria potevano anche rientrare nella misura di sostegno economico prevista per chi versa in difficoltà, il problema erano quelli percepiti in Svizzera.

La guardia di finanza luinese ha controllato e scoperto tre cittadini che percepivano indebitamente l’aiuto dello stato. Si tratta di tre donne e di un uomo. Tutti, nel presentare la richiesta del reddito di cittadinanza, avevano omesso di riportare nella dichiarazione ISEE i redditi e il conto corrente percepiti in Svizzera.

In due casi si trattava di donne che hanno richiesto la misura di sostegno nascondendo nel proprio nucleo famigliare i redditi percepiti dai mariti o dal figlio oltreconfine.

Le cifre contestate dalla finanza vanno da 1200 a 27mila euro. Tutti sono stati denunciati per truffa ai danni dello Stato.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. carlo_colombo
    Scritto da carlo_colombo

    Come al solito i controlli si fanno dopo quando ormai il danno è fatto. Si spera almeno che si riesca a recuperare il maltolto visto che purtroppo i cosiddetti furbi spesso la fanno franca.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.