Picchia moglie, figli e anche un carabiniere. In carcere 44enne di Gallarate

L'uomo, tornato a casa ubriaco, ha aggredito tutta la famiglia che ha chiamato il 112 ma ha opposto resistenza anche ai carabinieri

carabinieri

Davanti al giudice non ha trovato giustificazione migliore di sostenere che, in realtà, la vittima di violenza era lui. Il marocchino 44enne finito ieri in Tribunale a Busto Arsizio, da quanto ricostruito dai carabinieri di Gallarate, in realtà aveva picchiato moglie e figli ma anche un militare giunto sul posto dopo la chiamata al 112 della donna.

Il suo arresto si è reso necessario martedì sera dopo che, rientrato nella sua abitazione di famiglia in stato di ubriachezza, si era scagliato contro la moglie e contro i figli che cercavano di fermare l’incontrollata esplosione di violenza. Di mezzo ci sono finiti anche i due ragazzini, fratello e sorella.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, non si è fermato nemmeno davanti ai carabinieri e uno di loro ha riportato ferite guaribili in sette giorni. Per questo il giudice ha convalidato l’arresto e disposto per lui la custodia cautelare in carcere con le accuse di maltrattamenti in famiglia, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate.

Il processo per lui inizierà il 10 gennaio ma dovrà attendere da una cella della casa circondariale di Busto Arsizio.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Pubblicato il 07 Dicembre 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.