“Ciao papà, il cellulare si è rotto” e il conto viene prosciugato: occhio alla truffa del falso figlio

Torna il classico degli inganni telefonici che sfrutta i legami familiari per estorcere denaro. Il modo per "difendersi" è sempre lo stesso: non cliccare e non richiamare

generica

“Ciao papà, il numero qui sotto è il mio nuovo numero. Il mio vecchio cellulare è rotto, puoi mandarmi un messaggio su whatsapp?”.

L’antica truffa telefonica torna e ritorna in una nuova veste 2.0, sfruttando i legami familiari per estorcere denaro alle vittime. Il classico “ignoto bisognoso” o “parente in difficoltà” si trasforma ora nel “figlio”, il quale afferma di aver rotto il telefono e chiede di inviare un messaggio su WhatsApp al nuovo numero.

Tuttavia, dietro questo appello di aiuto si cela un pericoloso link, che reindirizza verso i truffatori.

generica

Una volta cliccato il link associato al numero di telefono, il presunto “figlio” può affermare, ad esempio, che la sua app bancaria non funziona più e ha bisogno di assistenza urgente per pagare una bolletta. In questo modo, i truffatori riescono a ottenere Iban o altri dati personali, svuotando i conti correnti delle vittime.

Per contrastare questa truffa, la polizia postale ha creato una pagina dedicata in cui fornisce consigli per evitare di cadere nel tranello e denunciare il fatto. “Se ricevi un messaggio da tuo figlio che ti avvisa di aver rotto il telefono e ti chiede di salvare il suo nuovo numero tra i contatti della rubrica”, spiega la polizia postale, “potrebbe trattarsi di una truffa. Al primo messaggio seguiranno richieste insolite di denaro, la ricarica di una carta prepagata, o le credenziali per accedere al conto corrente”. Pertanto, la polizia postale consiglia di non rispondere al messaggio, di cancellare la conversazione e di non salvare il numero (se già salvato, eliminarlo immediatamente dalla rubrica).

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 26 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.