Orti urbani e didattici: tornano i contributi di regione Lombardia

Il Bando "Orti di Lombardia 2024" mette a disposizione di Comuni, scuole ed enti gestori di aree protette, una somma per la realizzazione di orti didattici, urbani e collettivi. Domande fino al 23 marzo

Orti urbani

Diffondere la cultura del verde e dell’agricoltura, sensibilizzare sull’importanza di una corretta alimentazione, riqualificare le aree abbandonate e promuovere una maggiore consapevolezza alimentare.

Regione Lombardia promuove tutto questo attraverso il Bando “Orti di Lombardia 2024” che mette a disposizione di Comuni, scuole ed enti gestori di aree protette, una somma per la realizzazione di orti didattici, urbani e collettivi tramite l’Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste (Ersaf).

Il nuovo bando prevede l’assegnazione di fondi per la realizzazione di tali orti pubblici come strumenti per diffondere la cultura del verde e dell’agricoltura, sensibilizzare le famiglie e gli studenti sull’importanza di un’alimentazione sana ed equilibrata, divulgare tecniche di agricoltura sostenibile nonché riqualificare aree abbandonate.

Regione Lombardia promuove da molti anni la realizzazione di orti didattici, urbani e collettivi: dal 2015 ad oggi sono stati realizzati 220 orti didattici presso gli Istituti Scolastici lombardi, con una superficie coltivata totale di oltre 5.500 metri quadrati e  71 orti urbani e collettivi attivati nei Comuni lombardi, assegnando ai cittadini circa 250 orti.

IL BANDO: QUANDO E CHI PUÒ PRESENTARE LE DOMANDE

Le domande di partecipazione possono essere presentate a partire dal 19 febbraio e fino al 23 marzo 2024 secondo le modalità riportate al sito.  Sono soggetti beneficiari i Comuni, gli Istituti scolastici pubblici e privati e gli Enti gestori di aree protette aventi sede in Lombardia. I finanziamenti verranno gestiti da ERSAF e coprono il 50% delle spese sostenute per la realizzazione, fino a un massimo di 10.000 euro per gli orti urbani e di 1.800 euro per gli orti scolastici e collettivi.. Gli interventi proposti devono rispettare i requisiti specificati nell’avviso e saranno cofinanziati, coprendo il 50% delle spese sostenute per la realizzazione. Il massimo concedibile è di € 10.000,00 per gli orti urbani e di € 1.800,00 per gli orti scolastici e collettivi.

Le domande possono essere presentate dal 19 febbraio 2024 al 23 marzo 2024, inviandole all’indirizzo ersaf@pec.regione.lombardia.it con l’oggetto “Selezione di progetti per la realizzazione degli Orti di Lombardia 2024 – DOMANDA”. Le domande saranno ammesse al rimborso spese in ordine cronologico di presentazione, fino a esaurimento dei fondi disponibili.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Elena Chiurlo (tel. 02.67404.236 – 331.6677138 – e-mail: elena.chiurlo@ersaf.lombardia.it) o Gino Verdi (tel. 348.4093166; e-mail: gino.verdi@ersaf.lombardia.it).

Qui il bando per la presentazione delle domande per il 2024

I progetti dovranno essere realizzati nel 2024 e rendicontati entro il 29 novembre 2024. Il contributo sarà erogato interamente a saldo, a conclusione delle attività previste dal bando e a seguito della rendicontazione finale del progetto.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 25 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.