Aperitivo con banconote false, pregiudicato denunciato a Busto Arsizio

Per tre volte, nello stesso locale, ha pagato consumazioni e si è fatto cambiare 50 euro falsi. Alla fine il gestore ha chiamato la polizia. Che ha scoperto dei falsi realizzati a regola d'arte

soldi inflazione economia  pixabay

Sabato scorso la Volante del Commissariato di Busto Arsizio è stata chiamata dal gestore di un bar il quale si era accorto che un occasionale cliente, in tre occasioni, aveva pagato consumazioni o si era fatto cambiare del denaro utilizzando altrettante banconote da 50 euro poi risultate false.

Una rapida ricerca dell’uomo ha permesso ai poliziotti di identificarlo come un cinquantenne italiano residente in città, con vari precedenti per reati contro il patrimonio: l’uomo è stato localizzato e sottoposto a perquisizione.

È stato così trovato in possesso di altre otto banconote da 50 euro false – falsificazione eseguita a regola d’arte e perfettamente in grado di ingannare chi le avesse ricevute – oltre che di un taglierino.

Il pregiudicato è stato denunciato per la detenzione e la spendita delle banconote contraffate e il possesso ingiustificato del cutter.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 27 Maggio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.