Giornata mondiale senza tabacco: il 31 maggio controlli gratuiti nelle case di comunità della Valle Olona

Secondo l'Istat sono oltre 10 milioni gli italiani che fumano. L'età della prima sigaretta si abbassa a 11/13 anni. Le vittime da fumo sono ogni anno circa 93.000

sigaretta

Il 31 maggio si celebra la Giornata Mondiale senza Tabacco, il cui scopo è quello di informare il pubblico circa i rischi connessi al fumo e ciò che le persone possono fare per smettere di fumare.

Il primo approccio al consumo di tabacco si verifica intorno ai 14 anni. Questo dato è però controbilanciato dal numero complessivo di fumatori che, in base all’ultimo Rapporto Nazionale sul Tabagismo, risulta essere complessivamente in calo.

Secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità  per l’anno 2023:

Fuma circa il 20,5% della popolazione italiana al di sopra dei 15 anni, con un valore complessivo che si attesta a 10,5 milioni di consumatori di tabacco (dei quali il 25,1% sono uomini e il 16,3% donne). La media delle sigarette fumate è aumentata.

Maglia nera al sud Italia, nel quale si fuma di più rispetto al centro-nord.

Il 36,6% della popolazione compresa tra i 14 e i 17 anni e il 9,6% dei ragazzi tra gli 11 e i 13 anni fa uso di almeno un prodotto a base di tabacco (sigaretta tradizionale o elettronica). Tra la popolazione giovane spiccano le ragazze come maggiori consumatrici di tabacco.

In base ai dati diffusi dall’ISS, in Italia si calcola che ogni anno 93.000 decessi siano causati dal fumo. Elemento che provoca più morti rispetto a incidenti stradali, droghe, alcol e AIDS, solo per citarne alcuni.

Inoltre,  il consumo di tabacco è una causa nota – o probabile – di malattie quali, per esempio, le broncopneumopatie croniche ostruttive, il cancro al polmone e altre patologie polmonari croniche.

Particolare attenzione viene dedicata alle problematiche legate al fumo in gravidanza: fare consumo abituale di sigarette mentre si è in dolce attesa aumenta il rischio di nascite premature, basso peso alla nascita, deficit mentali e comportamentali, SIDS (Sudden Infant Death Syndrome).

Alcuni studi, infine, hanno sottolineato come anche il fumo passivo possa causare impatti rilevanti, a livello intergenerazionale. Un esempio? Nipoti di nonne che hanno fumato in gravidanza sviluppato probabilità maggiori di soffrire di asma.

In occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, quindi, presso l’ambulatorio degli Infermieri di Famiglia e Comunità delle Case di Comunità di ASST Valle Olona si effettueranno gratuitamente:

 Rilevazione dei parametri vitali

 Test di Fagerstrom (questionario utilizzato per misurare la dipendenza fisica alla nicotina)

 Interventi educativi e distribuzione opuscoli informativi

Per ulteriori informazioni:

pua.cassanomagnago@asst-valleolona.it, telefono 0331/282031
pua.busto@asst-valleolona.it, telefono 0331/699492
pua.lonate@asst-valleolona.it, telefono 0331/300055
pua.fagnano@asst-valleolona.it, telefono 0331/619319
pua.saronno@asst-valleolona.it, telefono 02/9613937

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 21 Maggio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.