Firmato in prefettura un accordo per la sicurezza sul lavoro

Siglato in prefettura a Varese l'accordo per la sicurezza del lavoro, in particolare edile, tra ATS insubria, Direzione Territoriale del Lavoro, e ente unico per l’edilizia

eventi Varese
firma accordo sulla sicurezza in prefettura

È stato siglato giovedì 21 aprile, in prefettura a Varese l’accordo per la legalità e la  sicurezza del lavoro, in particolare edile, tra ATS insubria, Direzione Territoriale del Lavoro, e Ente Unico per l’Edilizia.

L’accordo rafforza una collaborazione, già esistente da anni tra le singole istituzioni, per la formazione continua. Ma istituisce anche una forma di accordo per l’informazione e l’assistenza ai cantieri, anche grazie alle informazioni. Tra gli accordi c’è anche l’accesso al portale edilizio “Edilconnect“.

«Quello della sicurezza è un tema da alcuni anni fortunatamente all’attenzione delle istituzioni – ha sottolineato il prefetto, Giorgio Zanzi – E in un settore come quello edile, dove si concentrano i principali rischi, il sistema dei controlli è affinato e ci sono parecchi soggetti coinvolti. Questo è un accordo che vuole consolidare la situazione».

A firmarlo,  Paola Lattuada dirigente di ATS Insubria, Francesca Mondelli, dirigente DTL,  e il presidente dell’Ente Unico per l’Edilizia Alberto Rimoldi, che ha ricordato come «La cassa edile ha visto quasi dimezzarsi il numero dei lavoratori negli ultimi anni: da 9500 a 4600.Un restringimento che fa temere, più che il dimezzamento dei lavoratori, l’uscita dalla legalità di molti addetti». Da qui l’importanza di monitorare più attentamente i cantieri, e favorire la formazione degli addetti del settore, con l’aiuto reciproco delle istituzioni interessate.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 22 aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.