Condizioni disumane in pronto soccorso: le colpe sono politiche

Il Presidente dell'Ordine dei Medici Stella e il primario del PS di Varese intervengono in merito alla polemica dei disagi gravi che si stanno vivendo in tutti gli ospedali italiani

pronto soccorso

Pronto soccorso presi d’assalto: l’Ordine dei Medici della Provincia di Varese scende in campo in difesa di medici e infermieri.

In una nota, il Presidente Roberto Stella e il primario del pronto soccorso di Varese Saverio Chiaravalle e membro del Consiglio direttivo dell’Ordine sottolineano il momento delicato: « Non è possibile penalizzare sempre medici e personale infermieristico, trasformati in facili capri espiatori in una situazione di difficoltà e disorganizzazione che spesso si trascina da tempo, legata a scelte non fatte, inadeguate o rinviate a livello politico. Una situazione in cui camici bianchi e infermieri si sforzano di garantire il loro lavoro con serietà e dedizione. Ci sono momenti di emergenza che possono presentarsi – concludono i due medici varesini – nel Pronto soccorso di un ospedale, ma proprio per questo vanno messi in atto urgentemente misure che tutelino personale sanitario, ma soprattutto i cittadini. A partire dalle scelte contenute nella riforma della sanità regionale, come il rafforzamento delle cure intermedie e della medicina del territorio. Ognuno deve fare la sua parte, come fanno medici e personale infermieristico ogni giorno e per tutto l’anno».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore