Della Bordella e Bacci: il racconto di una coraggiosa scalata

I due sono stati protagonisti di una serata nella Sala Napoleonica di Ville Ponti, dedicata alla conquista del Cerro Murallon

Della Bordella e Bacci: il racconto di una coraggiosa scalata

Due alpinisti, Matteo Della Bordella e Davide Bacci, e la loro grande impresa. I due sono stati protagonisti di una serata nella Sala Napoleonica di Ville Ponti, dedicata alla conquista del Cerro Murallon. Introdotti dal presidente dell’associazione CAI di Varese, Pietro Macchi, hanno raccontato la loro avventura sul Cerro Murallon.

L’idea è nata grazie all’influenza di racconti stimolanti e dalla grande voglia di mettersi in gioco, hanno raccontato entrambi. Già nel 2011, Matteo Bernasconi e Matteo Della Bordella si erano spinti in Patagonia per scalare Torre Egger. Fu in quell’occasione che Cerro Murallon catturò la loro attenzione. Sarà nel 2016, però, che i tre alpinisti, decideranno di intraprendere quest’emozionante avventura. Previa ricognizione e studio delle pareti, i tre “ragni” prendono il volo ma non tutti insieme: David Bacci, curioso di vivere la Patagonia in tutti i suoi aspetti, decide di compiere una traversata della stessa con una bicicletta e in compagnia della sua ragazza. 1000 KM da Ushuaia a El Calafate. Arrivati a destinazione e ricongiuntosi con i due alpinisti, Bacci, Bernasconi e Della Bordella, iniziano il loro cammino.

Un solo mese di tempo a disposizione e un clima incerto non li hanno fermati. «La bellezza del Murallon era qualcosa che non si poteva lasciare a qualcun altro» ha commentato Bacci, mentre Della Bordella ha aggiunto: «La montagna aveva tre pareti interessanti e a seconda delle condizioni climatiche c’era da scegliere quale fosse la più ottimale». Per almeno tre settimane i tre sono stati costretti ad avere pazienza e, all’interno di un rifugio, hanno aspettato il momento propizio per dare inizio alla scalata. Il racconto finisce per dare spazio alle immagini. Bacci e Della bordella introducono il docuvideo della loro scalata.

di
Pubblicato il 26 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.