Musica in cripta taglia il traguardo dell’ottava edizione

Il primo appuntamento in programma venerdì 30 gennaio alle ore 21.00

La Stagione Concertistica “Musica in Cripta”, promossa dalla Parrocchia e dal Convento dei Frati della Brunella, giunge quest’anno alla terza edizione ed è dedicata ad un importante anniversario: l’ottavo centenario dell’Ordine Francescano.
È riconfermato il patrocinio alla nostra rassegna da parte delle istituzioni: Comune di Varese, Provincia di Varese, Regione Lombardia, e la collaborazione con la Circoscrizione n.1 del Comune di Varese.
Grazie inoltre al contributo di nuovi sostenitori come il Credito Valtellinese e la Fondazione Babini Cattaneo che vanno ad affiancarsi alla Fondazione Comunitaria del Varesotto ed UBI Banca Popolare Commercio e Industria, già presenti lo scorso anno ed anch’essi riconfermati, è stato possibile formulare un cartellone di alto profilo e che vedrà la partecipazione di importanti musicisti.
In programma vi sono 7 concerti, come lo scorso anno: i 6 concerti principali, uno al mese da gennaio a giugno, che si svolgeranno presso la Chiesa S. Antonio di Padova (cinque presso la Cripta, uno presso la Chiesa Superiore), ed il concerto straordinario presso il Teatro di Varese “Mario Apollonio”.
Con questa Terza Stagione, “Musica in Cripta” assume una forte connotazione internazionale: si esibiranno per noi la violinista di origine albanese Suela Mullaj, talento tra i più acclamati della sua generazione, recentemente di scena presso la prestigiosa Carnegie Hall di New York, fondatrice e primo violino dell’United Europe Chamber Orchestra di Milano; il duo proveniente dalla Svizzera e Germania formato dal tenore Hans-Jürg Rickenbacher e dal pianista Tobias Schabenberger; e soprattutto l’Orchestra Filarmonica “Mihail Jora” di Bacau (Romania), che siamo fortunatamente riusciti ad ingaggiare in un periodo in cui si troverà in tournée in Italia.
Le presenze italiane saranno altrettanto rilevanti: ospiteremo Gabriele Cassone, tra i più noti ed apprezzati interpreti della tromba naturale, in duo con l’organista Antonio Frigè; Emanuele Segre, giovane chitarrista acclamato in tutto il mondo, ed il Quartetto Mantegna con Roberto Noferini e Serena Canino al violino, Luca Moretti alla viola e Matteo Pigato al violoncello.
L’ampia varietà ed originalità nella tipologia dei concerti (si va dalla musica solistica a quella cameristica, liederistica e sinfonica) trova completamento nel nostro cartellone con un evento di grande rarità pensato in preparazione alla Pasqua: la Schola Gregoriana Mediolanensis, sotto la direzione di Giovanni Vianini, proporrà un programma dedicato al canto gregoriano ed ambrosiano per il tempo di Quaresima.
Naturalmente anch’io, nella mia duplice veste di pianista e direttore artistico di “Musica in Cripta” – compito che svolgo con grande entusiasmo –, darò il mio contributo a partire da questo venerdì 30 gennaio alle ore 21.00, per il concerto di apertura – evento realizzato in collaborazione con la Fondazione UECO di Milano – in duo con la violinista Suela Mullaj, con musiche di Beethoven, Paganini, Brahms e Ravel.
Proporrò in seguito un recital solistico, nel quale ho voluto dedicare un pensiero a Chopin nell’anno in cui ricorre il 160° anniversario dalla morte, ed in collaborazione con l’Orchestra Filarmonica di Bacau diretta da Ovidiu Balan, eseguiremo due tra le più celebri pagine per pianoforte e orchestra: il Concerto K488 di Mozart ed il Concerto n.1 di Ciaikovsky.
Segnalo ancora tra le collaborazioni la ditta Molteni Strumenti Musicali e la Scuola Internazionale per la Musica “Art of Sounds” di recente apertura a Bodio Lomnago, nata dall’incontro con gli artisti che si sono esibiti per “Musica in Cripta” in questi anni.
I concerti sono ad ingresso libero e gratuito: straordinaria opportunità per tutti di incontro con la cultura e la spiritualità trasmesse attraverso l’arte musicale.

Programma:
Ludwig Van Beethoven (1770-1827):Sonata per violino e pianoforte n.5 in fa maggiore Op.24 “Primavera”
Allegro
Adagio molto espressivo
Scherzo e Trio. Allegro molto
Rondo. Allegro ma non troppo

Niccolò Paganini (1782-1840): Variazioni sul “Mosè” di Rossini per violino sulla quarta corda (sol) e pianoforte
Introduzione. Adagio
Tema. Tempo alla Marcia
Variazione I
Variazione II
Variazione III
Finale

Johannes Brahms (1833-1897):Sonata per violino e pianoforte n.3 in re minore Op.108
Allegro
Adagio
Un poco presto e con sentimento
Presto agitato

Maurice Ravel (1875-1937):  Tzigane (Rapsodie de Concert) per violino e pianoforte

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 gennaio 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore