Digitale terrestre, il telecomando “dà i numeri”

Anche le tv del nostro territorio si preparano alla rivoluzione, nonostante qualche ritardo e qualche scontro. Ecco come continuare a seguire l'informazione locale

Una parte della provincia di Varese è già passata al digitale terrestre, ed entro il 26 novembre tutta Varese potrà vedere la tv solo con questa tecnologia. Ma le tv locali sono pronte? E quale numero avranno sul telecomando?

La verità è che nel dietro le quinte, nelle redazioni locali italiane, si mugugna. Per molte di queste tv i costi da sostenere per la conversione tecnologica sono alti, e indesiderati. Il digitale terrestre consentirebbe loro di trasmettere più canali, ma la verità è che al momento i costi di conversione lasciano poco budget per la creazione di contenuti aggiuntivi.

In più c’è un altro problema: nella tecnologia digitale terrestre, molti decoder obbligano lo spettatore a impostare i canali su un numero preciso. Rai 1 deve stare per forza sull’1, Rete 4 sul 4 e così via, per centinaia di canali del digitale terrestre. Questa numerazione, chiamata LCN, doveva essere decisa a livello regionale entro lo scorso 10 ottobre. In realtà siamo a novembre e le tv locali non sanno ancora quale posto occuperanno sul telecomando. Al momento sono note solo le fasce: le tv locali occuperanno le posizioni dalla 10 alla 19, oltre all’arco 71-100. Altre posizioni per le tv locali sono disponibili nelle numerazioni 210-219, 271-300, 310-319, 371-400 e 700-800. Non sono però state decise le posizioni precise. Questo può creare qualche problema a qualche decoder (nel caso individuasse più canali in conflitto, cioè con la stessa numerazione) e non consente alle tv locali di spiegare con precisione al cittadino dove potranno essere trovate.

In ogni caso, al di là delle polemiche, le tv locali della nostra area fanno di tutto per non farsi trovare impreparate. Tele 7 Laghi, ad esempio, ha iniziato la conversione degli impianti al digitale terrestre ben cinque anni. Forse è stata una delle prime tv locali a muoversi in questo senso. Davide Gardini, di Tele 7 Laghi, assicura che il canale sarà disponibile per tempo in tutte le aree interessate dallo switch-off. Inizialmente Tele 7 Laghi riempirà lo spazio a sua disposizione trasmettendo anche sul nostro territorio i canali locali TelePavia, Rete7, e Tv7. La rete, comunque, ha intenzione nel prossimo futuro di creare un secondo canale generalista. Potete trovare queste reti con la sintonizzazione automatica, oppure con quella manuale sul canale 34.

Anche Rete 55 e La6 si stanno preparando al digitale. Pare che la conversione abbia comportato un forte investimento finanziario (si parla di 650mila euro): le due emittenti saranno individuabili con la sintonizzazione automatica del decoder.

Nel caso il vostro decoder non prenda alcuni canali, l’ideale è attendere lo switch-off del 26 novembre e forse anche una settimana di più, quando la situazione sarà definita. Solo allora, se dopo la sintonizzazione non vedrete alcuni canali, sarà il caso di contattare un antennista di fiducia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore