La canzone contro i body scanner

Anche negli USA esplode il dibattito sull'utilità di certi controlli. Bandiera del dibattito è una canzone satirica apparsa su YouTube

jonathan mannIn Italia non siamo gli unici ad avere qualche dubbio sull’utilità dei body scanner. Proprio in questi giorni, negli USA, sta facendo il giro dei blog un videoclip di YouTube, intitolato "I don’t like the TSA".

La canzone, che significa più o meno "Non mi piace l’autorità di sicurezza aeroportuale" è stata scritta da Jonathan Mann. Jonathan è conosciutissimo per il progetto "Song A Day", un canale di YouTube nel quale si impegna a scrivere e cantare ogni giorno una nuova canzone, spesso sul fatto del giorno.

Tra i brani più celebri di Thomas c’è anche quello dedicato all’antenna difettosa dell’iPhone 4, proiettato dallo stesso Steve Jobs durante un keynote. In questo "I don’t like the TSA", invece, il brano dal ritornello superorecchiabile parla di tutti i disagi provocati dai severi controlli in aeroporto, primo fra tutti il body scanner. Il testo è, ovviamente, ironico, con uscite del tipo: "Non so a cosa serva, ma quando mi guardano con i raggi X, poi ridono di me, mi rifiuto di mostrare ancora il mio pene!".

Politicamente scorretto, incredibilmente divertente, come gli americani sanno fare. Ecco il video.



di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore