Salva la funivia di Monteviasco

La revisione era in scadenza e ancora non c'era un piano di rinnovamento: la Provincia ora ha messo a disposizione 120mila euro e coordinerà gli enti

La funivia è salva, il borgo di Monteviasco sarà ancora collegato con il fondovalle. È stato infatti firmato l’accordo tra Regione Lombardia, Provincia di Varese, Comune di Curiglia con Monteviasco, Comunità Montana Valli del Verbano e Valcuvia servizi per revisionare l’impianto della funivia che sale a Monteviasco. I termini dell’ultima revisione erano ormai in scadenza e senza questo deciso intervento di Villa Recalcati si sarebbe arrivati al fermo.

Galleria fotografica

Monteviasco 4 di 20
Visto la valenza turistica dell’impianto in questione l’Amministrazione provinciale si è impegnata a raccordare sulla problematica le istituzioni a vario livello e ha messo a disposizione 120 mila euro per la revisione. Altri 420 mila verranno da Regione Lombardia, 15 mila dal Comune di Curiglia, 60 mila dalla Comunità montana e 15 mila da Valcuvia servizi che gestisce l’impianto. L’intera cifra sarà destinata al Comune di Curiglia che gestirà l’operazione di revisione.
Soddisfatto l’Assessore alla Viabilità Aldo Simeoni: «Visto l’importanza di questo impianto l’amministrazione provinciale non ha esitato a compiere un importante sforzo per reperire e mettere a disposizione una parte consistente dei fondi necessari. Siamo anche soddisfatti per l’importante collaborazione con gli enti coinvolti e per il fatto che la Regione ha dimostrato attenzione e sensibilità rispetto al problema ed è intervenuta con prontezza. Ora possiamo annunciare con soddisfazione che l’impianto di collegamento con Monteviasco non subirà alcuno stop».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2011
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Monteviasco 4 di 20

Galleria fotografica

Esercitazione a Monteviasco 4 di 17

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore