Sant’Eusebio, occhi al cielo aspettando i fuochi

Casciago si prepara per la festa più amata: dopo l'incendio del pallone, giovedì 1 agosto arrivano le barelle e l'incanto dei cesti. Poi alle 23 lo spettacolo pirotecnico

È il momento di Sant’Eusebio. Anche quest’anno Casciago si prepara ad accogliere la festa più amata: momenti di preghiera, incanto dei cesti, corteo delle barelle e fuochi d’artificio. La tradizione anima da più di cento anni il piccolo borgo che festeggia ogni primo agosto il patrono della chiesa, Sant’Eusebio, il santo che nel IV secolo guariva i malati dalla febbre

La festa viene organizzata nei pressi della piccola chiesa di Casciago dedicata proprio a Sant’Eusebio e che, come la sagra, ha origini antichissime: esistono documenti che ne testimoniano l’esistenza già nel 1056. La tradizione vuole che i festeggiamenti inizino il 31 luglio con la partenza di un pullman diretto a Vercelli, dove i fedeli, dopo aver visitato le reliquie del Santo sepolto nella cattedrale dal 371, intraprendono una processione lunga 100 km con lo scopo di  portare "a staffetta" la fiaccola che apre le celebrazioni e resta accesa fino al loro termine.

Mercoledì 31 luglio la cerimonia di apertura è stata animata dalla banda di Velate dopo la Messa nella chiesa di Casciago: processione verso la chiesetta di Sant’Eusebio e l’accensione del pallone simbolo del martirio con la fiaccola accesa a Vercelli.

Giovedì 1 agosto, per ricordare e commemorare il Santo sono in programma nella piccola chiesa di Casciago cinque messe dalle 6 alle 10.30, quando celebrerà monsignor Franco Agnesi, vicario episcopale della zona di Varese nel V anniversario della Comunità Pastorale di Sant’Eusebio. Nel pomeriggio i festeggiamenti continueranno alle 16 con il corteo delle “barelle” e l’incanto dei cesti. Il programma della sera prevede invece un rosario meditato alle 21 e il gran finale alle 23 con l’immancabile spettacolo pirotecnico che illuminerà il cielo di Casciago. Nel corso della serata saranno in funzione il servizio gastronomico, il banco di beneficenza e il bar.

Nei volantini che pubblicizzano l’evento c’è anche un’importante novità: verrà infatti costruita una piattaforma sul retro della chiesa di Sant’Esuebio per ospitare i servizi per la festa (allacciamenti di luce, acqua e gas) e una costruzione leggera con annesso un servizio igienico. La soluzione, che farà discutere e non piacerà a molti, si è resa necessaria per mettere in ordine le strutture che permettono la realizzazione della festa tanto amata dai casciaghesi e non solo, col benestare di Soprintendenza alle Belle Arti, del Parco del Campo dei Fiori e della Curia.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Agosto 2013
Leggi i commenti

Video

Sant’Eusebio, occhi al cielo aspettando i fuochi 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.