Il comune “dismette” il gasolio

Cambio della guardia in molti palazzi comunali, scuole e persino all'Osservatorio. Dal gasolio si passa al gas naturale, con una eccezione in cima al campo dei fiori: lì il riscaldamento sarà a pellet

Per evitare gli sprechi energetici e promuovere allo stesso tempo azioni che portino ad una riduzione dei consumi, il comune di Varese ha inaugurato oggi 26 nuove centrali termiche a servizio degli immobili comunali, per lo più scuole elementari e materne, che non funzionano più a gasolio ma a gas naturale. Con una differenza: le centrali presso l’osservatorio del Campo dei Fiori sono state riconvertite da gasolio a pellet, cioè un combustibile naturale e rinnovabile tratto dal legno. Un segnale in più  per sottolineare la valenza ambientale del Parco e delle attività ivi svolte dal Centro Geofisico Prealpino.

«Nell’anno termico 2013/2014 che inizia proprio oggi – spiega il vice Sindaco Carlo Baroni – gli edifici comunali sui quali sono stati svolti gli interventi, 20 dei quali scuole materne ed elementari, saranno riscaldati in modo ottimale. Il Comune di Varese vede ora valorizzato il proprio patrimonio tecnico immobiliare ottenendo anche un risparmio dell’energia necessaria per il riscaldamento degli stabili».

La riconversione delle centrali termiche da gasolio a gas naturale è stata resa possibile dall’affidamento da parte del Comune di Varese della gestione calore a "Varese Risorse  – Gruppo A2A", società che dal 1990 gestisce il servizio pubblico di teleriscaldamento della città di Varese.
«Finalmente abbiamo potuto procedere alla sostituzione di centrali vetuste e bisognose di continui interventi di manutenzione straordinaria – dichiara il Sindaco Attilio Fontana – ottenendo importanti risultati nell’abbattimento delle emissioni in atmosfera nella nostra città. Grazie alla riqualificazione, le emissioni di PM10 verranno ridotte del 76 per cento e quelle di CO2 del 34 per cento. Significativo anche l’abbattimento del diossido di zolfo, che si ridurrà del 98 per cento. Con grande beneficio anche per le falde acquifere: eliminando i rifornimenti, vengono azzerati i rischi di sversamenti, di perdite e fuoriuscite di sostanze nocive nel sottosuolo».

Il progetto ed i lavori svolti per la trasformazione sono importanti per gli aspetti ambientali, economici, tecnici nonché per il know how messo in campo per la loro realizzazione: la parte più impegnativa ha riguardato la rimozione delle caldaie a gasolio, con successiva bonifica dei loro serbatoi di stoccaggio, presenti nei 26 stabili comunali e la posa di nuove caldaie a condensazione ad alta efficienza energetica e pertanto ideali nel soddisfare le caratteristiche per la riqualificazione in ambito energetico. La posa delle caldaie a combustione di gas metano ha richiesto l’intervento di Aspem S.p.A. (società che controlla al 100% Varese Risorse) intervenuta, attraverso il suo servizio di distribuzione gas, per la realizzazione dei collegamenti, “portando” i tubi fino a tutte le nuove centrali termiche. 

L’investimento sostenuto da Varese Risorse per il complessivo intervento di riconversione delle centrali termiche ammonta a oltre 2 milioni di euro; la Società si occuperà della gestione degli impianti per la durata di 12 anni, per il corrispettivo versato dal Comune di Varese di un canone annuo di circa 1 milione di euro. «Varese Risorse – spiega il direttore Fabio Fidanza – effettuerà la conduzione, la manutenzione ordinaria e straordinaria (quest’ultima per un ammontare complessivo in 12 anni pari a 180.000,00 euro) all’interno delle centrali termiche e si occuperà dell’approvvigionamento dei combustibili: gas naturale e pellet per le centrali del Campo dei Fiori e concorrerà alla realizzazione di interventi di rinnovamento ed efficientamento impiantistico anche all’interno degli edifici serviti. La gestione potrà contare sul telecontrollo e sull’attivazione di servizi di call center h24 e di pronto intervento».

«La gestione efficiente ed efficace degli impianti è fondamentale per la riduzione del fabbisogno di energia primaria e delle emissioni nocive per l’ambiente in cui viviamo – ha concluso Paolo Soldani, amministratore delegato di Varese Risorse – ciascuno di noi può comunque essere parte attiva e ottenere un risparmio energetico adottando semplici comportamenti. Per questo motivo Varese Risorse Gruppo A2A fornirà a tutti i responsabili degli stabili del Comune di Varese che hanno usufruito della riqualificazione, una semplice “guida al risparmio energetico – consigli utili per alleggerire la vostra bolletta e farvi vivere in un ambiente più pulito».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 15 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.