Il libro di Vittorio Vezzetti al Parlamento europeo

Il saggio del pediatra di Ranco, "Nel nome dei figli", sarà presentato a Strasburgo il prossimo 23 ottobre

Il 23 ottobre, in concomitanza con l’assemblea plenaria dell’Europarlamento, si terrà a Strasburgo il convegno Affrontare la crisi della famiglia Nel nome dei figli.

Nell’occasione sarà anche presentato il libro Nel nome dei Figli, www.nelnomedeifigli.it, scritto dal pediatra di Ranco Vittorio Vezzetti e già presentato al Senato il 5 febbraio di quest’anno e prima in Galleria a Milano e a Palazzo Vecchio a Firenze.

È la prima volta nella storia che un libro varesino arriva addirittura al Parlamento Europeo. Si tratta di un saggio romanzato che spiega in una chiave di lettura aperta a tutti le problematiche del divorzio.

La Senatrice Emanuela Baio, relatrice della legge sull’affido condiviso lo ha definito: «una luce di conoscenza che illumina il buio delle aule dei tribunali, un faro di speranza per tutti coloro che credono nell’avvenire dei propri figli».
A oggi il libro di Vittorio Vezzetti ha superato le 20.000 copie grazie anche all’e-book. 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.