Frana travolge una palazzina: muoiono due donne

Avevano 34 e 38 anni le vittime del fiume di fango e detriti precipitato sulla loro casa. Un uomo estratto vivo è ricoverato in gravi condizioni

Le abbondanti precipitazioni degli ultimi giorni sono all’origine del disastro avvenuto a Davesco Sorgano un quartiere di Lugano in Canton Ticino. Come riferisce la Polizia Cantonale, la scorsa notte, attorno alle 2.30 uno smottamento ha travolto una palazzina di  tre piani. Due donne di 34 e 38 anni sono rimaste uccise mentre un uomo, un italiano residente all’estero,  di 44 anni è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Lugano.

Per tutta la notte i cani di ricerca della Redog hanno indirizzato i Pompieri di Lugano e gli uomini della Protezione civile di Lugano Città, della Polizia cantonale e Comunale di Lugano per individuare le persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Altre tre persone sono state tratte in salvo pochi minuti dopo l’allarme. 

La palazzina si trovava in una zona periferica del paese accanto a un capannone industriale.

Due famiglie sono state evacuate e ora sono ospitate in una struttura protetta della Protezione civile.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 16 Novembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.