Arcisate-Stabio e le altre opere, la Regione chiede aiuto al Governo

Consegnata dal governatore Maroni una lunga lista di richieste economiche e non per le opere infrastrutturali lombarde. Molte interessano la provincia di Varese

In occasione dell’inaugurazione della Tangenziale Esterna di Milano il governatore lombardo Roberto Maroni ha presentato un dossier di interventi in ambito di infrastrutture stradali, ferroviarie e della navigazione. Un lungo elenco di oltre 45 pagine nelle quali vi sono molti interventi in atto o che dovranno essere attuati in provincia di Varese, a partire da Pedemontana (con il secondo lotto della tangenziale di Varese) fino al completamento dell’Arcisate-Stabio e all’ammodernamento della linea Luino-Sesto Calende-Gallarate. 

Per quanto riguarda Pedemontana la Regione fa presente che è necessario procedere quanto prima all’approvazione del secondo Atto aggiuntivo alla convenzione unica CAL/APL tramite decreto interministeriale Trasporti e Finanze, creando così i presupposti per la bancabilità delle tratte mancanti anche attraverso il piano Juncker che permette tassi d’interesse agevolati. La Regione chiede che la società Asam, di proprietà di Regione Lombardia tramite Finlombarda possa essere ricapitalizzata utilizzando la Legge “Delrio”. Inoltre viene richiesta una rivisitazione della normativa sui pedaggiamenti per “regolarizzare” il sistema free flow utilizzato per Pedemontana. Arcisate Stabio: la storia infinita

Riguardo alla tangenziale Varese la Regione chiede di portare all’approvazione del CIPE il progetto definitivo dello svincolo di Gazzada Schianno di cui è già stata esperita la Conferenza di Servizi ai sensi della legge obiettivo. Si chiede anche di trovare le necessarie risorse (il costo netto dell’opera ammonta a 340 milioni di euro) per finanziare, tramite contributo pubblico, il secondo lotto della Tangenziale di Varese.

In tema di infrastrutture ferroviarie la Regione chiede al governo finanziamenti per l’ammodernamento della linea ferroviaria Luino-Sesto Calende-Gallarate al fine di eliminare i passaggi a livello e realizzare le barriere acustiche poiché i finanziamenti Svizzeri sono destinati esclusivamente alla riqualificazione agli standard dell’Unione Europera per l’aumento del traffico merci, a seguito dell’apertura del tunnel del Gottardo e del traforo del Monte Ceneri.
Sull’Arcisate -Stabio l’intervento richiesto al governo riguarda il completamento dell’opera, attualmente ancora bloccata a causa della riassegnazione dei lavori da parte delle Ferrovie, rispettando degli impegni presi tra Italia e Svizzera terminando l’opera entro la prima metà del 2017.

Altro nodo importante da sciogliere è la realizzazione del raccordo Y tra Castellanza e Busto Arsizio per creare l’interconnessione tra la rete di Rfi e la rete di Ferrovie Nord in modo da collegare Malpensa anche con Milano Centrale. Importante per la Regione anche l’intervento che comprende il posizionamento del quadruplicamento dei binari da Rho fino a Parabiago, con la sistemazione del piano del ferro nelle stazioni di Rho.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Maggio 2015
Leggi i commenti

Foto

Arcisate-Stabio e le altre opere, la Regione chiede aiuto al Governo 2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.