Arrestato il comunicatore (shock) di Mirko Rosa

Era ai domiciliari ma è stato sorpreso in casa mentre era in compagnia di alcuni indagati. Tra le tante "trovate" sopra le righe anche l'Hummer Limousine con bestemmia con cui girava per Legnano

mirko oro limousine andrea fisichella bestemmia

Nonostante fosse agli arresti domiciliari Andrea Fisichella, il guru del marketing dei negozi Mirko Oro e l’uomo della Limousine con la bestemmia che girava per Legnano, non aveva perso l’abitudine di frequentare i suoi vecchi sodali, anche loro indagati  nella vicenda dei compro oro di Mirko Rosa e Giacomo De Luca.

Per questo, quando gli agenti sono andati a verificare se il detenuto stava rispettando il provvedimento del giudice, lo hanno riportato in carcere mentre beveva un mojito in compagnia di altri soggetti sottoposti ad indagine. Fisichella, nell’associazione a delinquere ipotizzata dal sostituto procuratore Nadia Calcaterra e dalla Guardia di Finanza di Legnano, risultava essere l’amministratore delegato di una delle società gravitanti intorno alla galassia dorata che prometteva il ritiro dell’oro usato a prezzi da favola ma che in realtà avrebbe evaso le tasse, ricettato oro rubato e organizzato un sistema di false fatturazioni.

Pare essere proprio lui, tra i vari ruoli che ha svolto, ad aver ideato le campagne shock con i camion vela che dissacravano la religione, lanciavano messaggi a sfondo razziale, prendevano in giro le forze dell’ordine e promettevano ricompense per diversi casi di cronaca nera.

Nel frattempo la Procura continua a lavorare senza sosta sull’indagine e proprio ieri è stato sentito in un interrogatorio fiume Giacomo De Luca, il socio di Mirko Rosa e padre della ex-fidanzata col quale è finito a pugni ed auto bruciate per una presunta violenza sulla figlia. Il castello accusatorio della Procura sembra trovare sempre più conferme grazie anche alle ammissioni da parte dei responsabili e l’unico a non aver parlato, al momento, è Luca Rovellini. Oggi (martedì) è il giorno dell’interrogatorio di Mirko Rosa.

In molti avrebbero già chiesto di patteggiare la loro pena, tra questi anche Rosa e De Luca per i quali, però, la legislazione in materia fiscale prevede la restituzione totale di quanto evaso se si vuole accedere a riti alternativi. I milioni evasi sono tanti e restituirli non sarà facile.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 14 luglio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    La limousine che gira bellamente in strada con la scritta Pxxxx Dxx sulla fiancata denota il livello socio-culturale a cui questo paese si è uniformato.
    Fosse stato in qualche paese arabo come nel ricco Qatar molto probabilmente la macchina sarebbe stata distrutta ed il conducente decapitato sul posto.
    Ora vi rivolgo una domanda…chi è più arretrato tra i popoli? Quello che accetta qualsiasi cosa basta che comandino i soldi di qualche arricchito oppure quello che conserva ancora un briciolo di dignità sociale?
    Fate voi…io la risposta me la sono già data.

Segnala Errore