Influenza in ritardo: il picco a febbraio

Ancora molto bassi i casi in provincia. Il medico "sentinella" Sessa chiarisce: « Con la riapertura delle scuole si assisterà a un progressivo aumento dei contagi»

influenza

Tosse, mal di gola, raffreddore. Parecchi varesini hanno già affrontato i “mal di stagione”. Si tratta, però, della frequenti forme “para influenze” cioè sindromi che con l’influenza hanno solo qualche affinità.

Il picco della malattia di stagione più temuta è ancora molto lontano: « I livelli di diffusione sono molto bassi – assicura il dottor Aurelio Sessa, medico sentinella in provincia – è chiaro che, con la ripresa delle scuole e i mutamenti climatici, ci aspettiamo un aumento progressivo dei contagi. Considerando la velocità di diffusione del virus, diciamo che dal momento in cui la circa epidemica comincia a salire, passerà un mese per raggiungere il picco. La percentuale oggi è dell’1,5 per mille cioè su un milione di abitanti , gli influenzati sono 1500».

A livello nazionale, l’osservatorio di Influnet parla di livelli ancora più bassi, con un’incidenza di 0,54 casi ogni mille assistiti.

Diversa è la diffusione delle forme para influenzali: « La percentuale di ammalati è di 4 per mille» chiarisce il medico.

di
Pubblicato il 07 gennaio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore