“Fuori lo smog, in aula 28 gradi”

Finestre aperte e bambini in maglietta per il troppo caldo nelle scuole della città, nonostante le ordinanze antismog. E la situazione sarebbe comune a molti edifici comunali, tribunale compreso

calorifero

Bambini che indossano solo le magliette, le finestre aperte per far uscire un po’ di caldo e i termosifoni roventi. Scene di normale amministrazione per molti, troppi edifici pubblici. «Venerdì 29 gennaio alle scuole Pontida avevamo 28 gradi» spiega la consigliera del PD, Cinzia Berutti, mostrando in consiglio comunale l’immagine di un termometro fotografato a scuola.

E così «mentre fuori entrava in vigore l’ordinanza antismog che chiede a tutti di abbassare la temperatura dei termosifoni» nelle scuole pubbliche le finestre erano aperte «anche perché manca la manopola per regolare il calore». Un caso, quello portato da Berutti, comune a molte scuole in città ma non solo.

«Mercoledì scorso ero a fare un’udienza in tribunale e quando ho finito sono dovuto andare in ufficio, togliere la canottiera e strizzarla perché era intrisa di sudore» racconta Diego Cornacchia, che oltre ad essere presidente del Consiglio Comunale è anche avvocato: «ci saranno stati 30 gradi».

Marco Corso
marco.corso@varesenews.it

Cerco di essere sempre dove c’è qualcosa da raccontare o da scoprire. Sostieni VareseNews per essere l’energia che permette di continuare a farlo.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.