Sposavano marocchini per soldi, salgono a trenta le condanne

Sette anni al capo della banda che organizzava matrimoni tra maghrebini in cerca di un permesso di soggiorno e donne italiane bisognose di soldi. Condanne dai 2 ai 3 anni e 8 mesi per le spose

Matrimoni combinati e droga tra Marocco e Italia (inserita in galleria)

Il Giudice per l’udienza preliminare Patrizia Nobile ha condannato a 7 anni di carcere Iounes Marraki, considerato insieme al fratello Jamal ancora latitante in Francia, a capo della banda che organizzava matrimoni tra sposi marocchini interessati al permesso di soggiorno e spose italiane bisognose di soldi.

La vicenda, scoperta un anno fa dalla Procura di Busto Arsizio e dai carabinieri della Compagnia di piazza XXV Aprile, ha messo in luce un fenomeno molto esteso a Busto Arsizio e dintorni. Oltre trenta i matrimoni portati a termine dall’organizzazione che incassava dagli 8 ai 12 mila euro per ogni coppia portata davanti al pubblico ufficiale del Comune che ne sanciva l’unione.

IL SISTEMA  – Due dei fratelli Marraki stavano in Marocco e cercavano connazionali pronti a spendere tra gli 8 e i 12 mila euro che volevano trasferirsi in Italia, gli altri due e il magnaghese Giuseppe Ciancio reclutavano donne della zona disposte a sposarsi per soldi, generalmente  con problemi di droga, di soldi o  con un forte disagio sociale. L’organizzazione pensava ai documenti, agli appartamenti per ottenere la residenza, agli abiti nuziali, al servizio fotografico, al pranzo e al bouquet per fare in modo che tutto facesse pensare ad un vero matrimonio ma si occupavano anche di contattare l’avvocato che avrebbe avviato la pratica di separazione dopo 40 giorni. Il guadagno per l’organizzazione era di circa 4 mila euro mentre le spose intascavano cifre attorno ai 3500 euro. Una volta celebrate le nozze, quindi, i freschi sposi avviavano in poco tempo le pratiche per la separazione.

Oltre al capo, condannato anche per traffico di sostanze stupefacenti (attività parallela e altrettanto redditizia del gruppo, ndr), sono stati condannati a pene tra i 2 anni e i 3 anni e 8 mesi altre cinque persone. Per altri 34 si terrà a breve udienza di rinvio a giudizio mentre ulteriori 8 hanno già scelto il patteggiamento. Sono dunque già 30 i condannati per questa vicenda e il conto potrebbe salire ad oltre 70.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.