Binda resta in carcere, respinto l’appello

Il gip dice no alla libertà, il 49enne accusato del delitto di Lidia Macchi continuerà a scontare la carcerazione preventiva

stefano binda

Stefano Binda dovrà restare ancora in carcere, mentre gli inquirenti stanno ancora indagando sulla delitto di Lidia Macchi di cui è accusato. Il gip di Varese Anna Giorgetti ha respinto una nuova richiesta di scarcerazione presentata dagli  avvocati Sergio Martelli e Roberto Pasella.

Binda è stato arrestato lo scorso 15 gennaio con l’accusa di aver violentato e ucciso trent’anni fa, nel gennaio 1987, la studentessa di Varese Lidia
Macchi. Gli avvocati si erano appellati all’insussistenza delle
esigenze cautelari, ma il gip ha deciso diversamente.

Una richiesta di scarcerazione era già stata respinta lo scorso aprile dalla Cassazione. E’ stato bocciato al Tribunale del Riesame di Milano anche un ricorso contro la proroga delle indagini.

Nei prossimi giorni la polizia dovrebbe iniziare a scavare a Cittiglio nel luogo dove venne ritrovato il corpo.

di
Pubblicato il 03 ottobre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Efesini 6 12

    Vabbè: vogliono farlo morire in carcere.

Segnala Errore