Il Varese fa saltare la panchina di Ramella

Il club biancorosso decide subito di cambiare allenatore: decisivo il deludente pareggio di Bra

Varese - Oltrepovoghera 1-0

Ernestino Ramella non è (già) più l’allenatore del Varese Calcio. Il tecnico di origini pavesi, già bandiera biancorossa sul campo negli anni Settanta, è stato esonerato nel primo pomeriggio di oggi, martedì 11 ottobre.

Una scelta piuttosto a sorpresa: che Ramella fosse in discussione dopo il pareggio (1-1) di domenica scorsa sul campo del Bra, ultimo in classifica, era risaputo ma la percezione generale era che all’allenatore fosse concesso un po’ di tempo prima di una decisione così drastica. Ancora questa mattina Ramella, insieme alla moglie, ha partecipato all’intitolazione del campo in sintetico di Varesello a Ottavio Biasibetti, cerimonia cui hanno preso parte tutti i dirigenti e una rappresentanza della squadra. Con Ramella lascerà il Varese anche il vice, Gabriele Bongiorni. Al momento paiono confermati il preparatore dei portieri Verderame e

Dopo pranzo però, la comunicazione ufficiale della società che per il momento rimanda a una conferenza stampa – domani a mezzogiorno – per ulteriori comunicazioni. Sottotitolo: per comunicare il nome del nuovo tecnico.

«Varese Calcio comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra Ernestino Ramella. La società biancorossa lo ringrazia per la professionalità e le qualità umane dimostrate in questi mesi. Un ringraziamento anche all’assistente Gabriele Bongiorni che con Ramella è stato sollevato dall’incarico».

TREDICI PUNTI

Il Varese di Ramella ha finora convinto poco dal punto di vista della costruzione di gioco: i biancorossi hanno spesso creato poche occasioni portando a casa quattro vittorie, tutte per 1-0 (compreso contro l’Oltrepovoghera quando però sono arrivate diverse palle-gol). Negli altri due turni Luoni e compagni hanno subito una pesante sconfitta interna (0-3) contro il Borgosesia, attuale capolista, e il deludente pareggio di Bra dove Giovio ha sbloccato il risultato (solo) su rigore. Ma domenica la “chiusura” sull’1-0 non è riuscita e la rete di Rossi per il definitivo 1-1 ha aperto la crisi. Le altre due note negative riguardano le tante espulsioni e l’uscita di scena in Coppa Italia, ai rigori (ma dopo uno scialbissimo 0-0) contro la Caronnese.

E ADESSO?

Ora il Varese dovrà ingaggiare un nuovo allenatore. I nomi che sono circolati negli ultimi giorni (per la verità anche nelle scorse settimane) sono quello di Salvatore Iacolino, specialista di promozioni dalla Serie D e già contattato in estate, e quello di Ciccio Baiano, già a Varese come vice di Beppe Sannino. Altro allenatore “local” esperto di categoria potrebbe essere Fiorenzo Roncari: nelle prossime ore ne sapremo di più.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 11 ottobre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore