Gadda (Pd): “Frontiera chiusa per rapina, Governo intervenga”

La parlamentare varesina del Pd, ha presentato un'interrogazione al Ministro degli affari esteri sulla chiusura avvenuta il 5 dicembre scorso

Lavena Ponte Tresa Dogana

«Il Governo agisca immediatamente affinché non si ripetano azioni unilaterali da parte svizzera in violazione del trattato di Schengen e lesive dei diritti dei lavoratori transfrontalieri». Lo chiede la deputata del Partito Democratico, Maria Chiara Gadda, in una interrogazione parlamentare a sua firma presentata al Ministro degli affari esteri, Angelino Alfano, sulla chiusura avvenuta il 5 dicembre scorso del valico di confine di Lavena Ponte Tresa per diverse ore.

«La chiusura del valico – dichiara la parlamentare Dem – che ha interessato migliaia di persone è stata disposta in violazione del Regolamento UE 2016/399 (codice di frontiera Schengen). Non è stata seguita la procedura prevista per le chiusure temporanee e, aspetto ancor più grave, non è motivata da alcuna delle giustificazioni indicate dalle norme».

«La chiusura delle frontiere – ricorda – è concessa per periodi limitati di tempo e in caso di minaccia grave per l’ordine pubblico o la sicurezza interna di uno Stato. Circostanza assolutamente non verificatasi in occasione della chiusura del 5 dicembre».

Secondo Maria Chiara Gadda, questo episodio giunge al termine di una «serie di atti e comportamenti ostili quasi quotidiani, ai danni dei lavoratori transfrontalieri italiani, perpetuati in Cantone Ticino».

«Nell’interrogazione – conclude la parlamentare varesina –  ho voluto richiamare la mozione approvata alla Camera che impegna il Governo a chiedere un chiarimento formale alla Confederazione elvetica in merito alle numerose decisioni discriminatorie assunte in questi mesi in contrasto con i principi sulla libera circolazione delle persone. Una sottolineatura che intende far emergere quanto sia urgente un intervento affinché non si ripetano azioni unilaterali di questo genere».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore