Il Varese cala il tris e batte anche gli infortuni

I biancorossi superano il Gozzano 3-2 con reti di Giovio, Viscomi e Moretti, confermandosi in testa con la Caronnese. Baiano perde anche Ferri

calcio, varese calcio

Due colpi di reni, quando la situazione si stava complicando. E’ così che il Varese torna a vincere in casa, superando l’ostacolo Gozzano che a un certo punto stava diventando un muro, anche a causa di acciacchi e infortuni (con quello a Ferri che si è aggiunto alle assenze di Piraccini, Bottone e Zazzi). Le zampate, arrivate nel giro di 7′ dopo la mezz’ora, sono di uno strepitoso Viscomi e di un’emozionato Moretti sono servite a confermare i biancorossi in vetta alla classifica insieme alla solita, cinica, Caronnese, capace di recuperare due volte con la Varesina e di trafiggerla in pieno recupero in un derby emozionante.

Galleria fotografica

Varese - Gozzano 3-2 4 di 21

Tre punti importanti, quelli andati ai ragazzi di Baiano, costretti a fare i conti come detto con i problemi a metà campo, dove Cusinato è andato in crisi, ma bravi a reagire al momentaneo pareggio ospite utilizzando le armi a propria disposizione. Le fasce in particolare, perché Rolando è stato autore di una prova eccellente, con Becchio solito guastatore sulla corsia opposta e con i due terzini pronti a un supporto costante. E con un Viscomi gigante, non solo per il gol – cercato con forza – ma anche per chiusure e impostazioni precise. Senza dimenticare Giovio, importante lungo tutto l’arco della gara con il suo consueto “caracollare” per il campo che lo porta sempre a essere al posto giusto nel momento giusto.

Con questa partita in archivio, ai biancorossi mancano due gare per chiudere il girone di andata: la prima a Busto Garolfo, la seconda qui con il Verbania. Un calendario migliore rispetto a Caronnese e Chieri, le principali rivali in un girone dove sono tante le trappole disseminate sul cammino. Attenzione quindi a non andare spavaldi sul campo della Bustese: Baiano ha già avvisato i suoi, felice per la partita ma furente per il gol concesso al Gozzano in pieno recupero. La concentrazione è qualità che, in un testa a testa come quello che si vive in vetta, vale quanto un portiere forte o un bomber di razza.

FISCHIO D’INIZIO

Baiano modifica leggermente lo schieramento per affrontare il Gozzano: al posto del 4-4-2 il tecnico toscano vara un 4-2-3-1 arretrando Giovio sulla linea delle ali e tenendo poco più indietro i mediani: senza Bottone e Zazzi giocano Gazo e Cusinato. Ospiti con diverse novità arrivate dal mercato e in campo con il 4-3-3: Zerbin e Aperi affiancano il centravanti Testardi.

IL PRIMO TEMPO

Gozzano abbastanza intraprendente nella fase iniziale in cui, tuttavia, il Varese controlla senza problemi. Il primo biancorosso ad accendersi in avanti è Rolando: stuzzicato dal duello con il tenero Ligotti, l’esterno ci prova una prima volta arrivando in area ma facendosi chiudere dalla difesa. Al 13′ però è ancora lui a tagliare in area su un cross di Becchio, liberatosi con un bel numero: Ligotti si accorge in ritardo del movimento e frana su Rolando causando il rigore. Giovio, dal dischetto, è precisissimo e batte un Signorini bravo a intuire: 1-0.
Il 17enne portiere ospite però, poco dopo, compie due miracoli un un’azione: Scapini stoppa in corsa, effettua un doppio dribbling e tira a botta sicura trovando la gran risposta del portiere; sulla ribattuta Giovio la arpiona e ci prova con una sventola di nuovo neutralizzata da Signorini. Il Gozzano, squadra tosta, non ci sta e torna a spingere approfittando della difficoltà di Cusinato a centrocampo e sperando di mettere in difficoltà un Ferri non al meglio per un dolore all’anca. Il centrale però si muove d’esperienza e trova una validissima spalla in Viscomi.
Al 37′ però, sembra fatta per il pareggio: grande sponda di testa di Testardi per Zerbin che aggancia e trova un bel destro a girare, ma Pissardo vola letteralmente a sinistra e devia in angolo. La parata più bella per il portiere, già attento in altre occasioni. L’ultima emozione di una prima frazione vivace arriva da Becchio: testa all’indietro e palla non lontana dal palo.

LA RIPRESA

Ferri resta negli spogliatoi per via della fitta sopra l’anca che lo ha accompagnato per tutto il primo tempo: al suo posto Simonetto. Il Varese però dopo appena 7′ si fa sorprendere: su palla ferma calciata a centro area, la difesa si perde Aperi che arriva di testa senza contrasti e batte l’incolpevole Pissardo.
I minuti successivi non sono semplici, perché il Varese prova a distendersi ma forse senza la serenità necessaria dopo la rete subita. Il Gozzano dà quindi l’idea di poter forzare la mano però mister Gardano preferisce un cambio conservativo (Ficco per Zerbin) che permette ai biancorossi di riorganizzarsi. Così è ancora il Varese (che invece propone Moretti per Scapini) a sfiorare il gol su una geniale apertura di Giovio che cambia gioco per Rolando, murato da Signorini a pochi metri dalla porta.
La caparbietà del Varese però viene premiata alla mezz’ora, quando cioè Bonanni trasforma in oro (in corner) un passaggio troppo lungo di Becchio. Sul tiro dalla bandierina Signorini – fino a lì strepitoso – esce male ostacolato da un compagno, Viscomi è nei paraggi e scaraventa in porta prima di volare a festeggiare sotto i distinti.
E poco dopo è ancora da dentro l’area che il Varese fa festa: Simonetto svetta di testa su un corner di Rolando, Signorini respinge a terra ma non riesce ad allontanare e così Moretti corona il suo sogno, segnando per la prima volta in maglia biancorossa. La gara sembra chiusa anche perché Rolando sfiora il poker (Signorini pronto a ribattere) ma in pieno recupero Testardi accorcia, prima cogliendo la traversa e poi ribattendo in porta, rovinando la domenica a Pissardo e a un Baiano irritatissimo per l’accaduto. Però non c’è più tempo, a Varese finisce 3-2 così come, negli stessi minuti, a Caronno Pertusella: avanti così, l’una accanto all’altra, entrambe capaci di una prova di forza tutt’altro che scontata.

VARESE – GOZZANO 3-2 (1-0)

MARCATORI: Giovio (V) su rig. al 15′ pt; Aperi (G) al 7′ st, Viscomi (V) al 30′ st, Moretti (V) al 37′ st, Testadi (G) al 49′ st

VARESE (4-2-3-1): Pissardo; Talarico, Ferri (Simonetto dal 1′ st), Viscomi, Bonanni; Cusinato, Gazo; Rolando, Giovio (Calzi dal 39′ st), Becchio; Scapini (Moretti dal 23′ st). All.: Baiano. A disp.: Consol, Granzotto, Lercara, Salvatore, Innocenti.
GOZZANO (4-3-3): Signorini; Le Noci (Rogora dal 35′ st), Emiliano, Mikhaylovskiy, Ligotti (Mastrilli dal 5′ st); Segato, Guitto, Mantovani; Zerbin (Ficco dal 14′ st), Testardi, Aperi. All. Gardano. A disp.: Gilli, Sampò, Platinetti, Gemelli, Lunardon, Banegas.
ARBITRO: Zeviani di Legnago (Cristiano e Baccone).
NOTE. Giornata serena e non fredda terreno in discrete condizioni. Ammoniti: Ligotti, Testardi, Mantovani, Calzi. Calci d’angolo: 8-10. Recupero: 1′ e 4′. Spettatori: 1.600 circa.

GIRONE A: CARONNESE, VARESE 32; Chieri 30; Borgosesia 29; Cuneo 26; Pro Sesto 25; Casale 24; Inveruno, F. Caratese 21; VARESINA 18; Gozzano 16; Bra, Verbania, Oltrepovoghera, Pro Settimo 15; Bustese 12; Pinerolo 11; Legnano 8.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 08 dicembre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Varese - Gozzano 3-2 4 di 21

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore