La Città dei Bambini diventa un libro: un capitolo solo per Malnate

Presentato a Milano l'e-book Anci sul progetto dedicato al progetto amministrativo per creare nuove condizioni di vivibilità

varie

“La Città delle Bambine e dei Bambini” è un progetto amministrativo che fornisce una chiave di lettura per cambiare il modo di amministrare e ripensare una città attraverso i meccanismi della partecipazione per creare nuove condizioni di vivibilità.

Anci Lombardia in quest’anno, insieme al Prof. Francesco Tonucci, Pedagogo del Consiglio Nazionale delle Ricerche, ha organizzato un tour durante la quale sono state raccolte le best practices sulla Città dei Bambini riscontrate nei territori. Presenti il Sindaco di Malnate Samuele Astuti, gli Assessori ai servizi educativi di Malnate e Varese Irene Bellifemine e Rossella Di Maggio e il Presidente del Consiglio Comunale di Malnate Enrico Torchia.

Oggi a Milano è stato presentato la pubblicazione che è scaturita proprio dalle esperienze raccolte nei territori alla presenza, tar gli altri, del Prof Tonucci, ideatore del progetto La Città dei Bambini e delle Bambine. L’idea di fondo è quella di mettere a disposizione di amministratori e dipendenti strumenti da poter implementare nei propri territori

Un capitolo della pubblicazione, messa a disposizione gratuitamente sul sito dell’Associazione dei Comuni Italiani, è dedicato proprio alla Città di Malnate, dove sono stati raggiunti risultati particolarmente brillanti proprio grazie a questo progetto amministrativo.

Il Sindaco Samuele Astuti ha avuto modo di presentare nella sede di Anci a Milano quanto scaturito dopo più di 6 anni di lavoro.

Astuti afferma: “Quando sono andato a parlare con il prof. Tonucci temevo che il progetto, per quanto molto affascinante sul piano teorico, fosse difficile nella sua attuazione. Al contrario, il lavoro svolto insieme ai bambini di Malnate, ha dato luogo a dei risultati che hanno stupito noi stessi. Citandone solo alcuni, il 56% dei bambini va e torna a scuola da solo (o meglio, con gli amici). Sono fattivamente coinvolti attraverso la progettazione partecipata nella disegnare gli spazi della nostra città: il rinnovato Cortile della scuola primaria Battisti ma anche i nuovo parchi in Città ne sono un esempio, lavorando insieme all’Ufficio Tecnico. Adesso la nostra intenzione è di coinvolgerli nuovamente, per esempio, nella redazione del Piano Urbano di mobilità

L’idea base è che “chi vive l’esclusione dalle scelte amministrative è quello che poi, quando messo al centro dell’amministrare, riesce a Troppo spesso sono impegnati fra mille attività e questo gli impedisce di avere tempo libero.” E’ necessario anche un intervento del Legislatore per dare ancora più forza alle Amministrazione locali che vogliano attuare il progetto.

Il Sindaco Astuti proprio in occasione di una visita del Ministro della Giustizia a Malnate ha avuto modo di sollecitare alcuni interventi normativi importanti. Il primo, rivendicare insieme ai bambini il diritto, almeno un giorno a settimana, di far trascorrere ai bambini una giornata libera. In particolar modo ci si riferisce all’art. 31 della “Convenzione sui Diritti dell’Infanzia” secondo cui

Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale ed artistica. Gli Stati parti rispettano e favoriscono il diritto del fanciullo di partecipare pienamente alla vita culturale e artistica e incoraggiano l’organizzazione, in condizioni di uguaglianza, di mezzi appropriati di divertimento e di attività ricreative, artistiche e culturali.

La seconda è che ad oggi c’è una normativa che non favorisce la mobilità in autonomia da e verso scuola: infatti le norme, così come sono formulate ora, fanno si che i bambini dovrebbero iniziare a poter percorrere il tragitto casa scuola in totale autonomia solo con la maggiore età. Al contrario sviluppare con gradualità l’autonomia di movimento e di interazione con il mondo esterno permette al bambino di sperimentare giorno per giorno il mondo e di crescere in modo più sano, sicuro e consapevole.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore