Al via i corsi gratuiri per superare il “Digital Divide”

Le iniziative proposte dal Gruppo Indipendente per l'Inclusione Sociale, con tre programma dedicati a uso del computer, testi e gmail

computer

Il GIVIS Gruppo Indipendente per l’Inclusione Sociale, nel suo programma di lotta al Digital Divide, istituisce, anche quest’anno, il primo di una serie di corsi base di informatica, indirizzati alle fasce deboli della società saronnese: disoccupati, pensionati, casalinghe.

I corsi, della durata di 18 ore ciascuno, avranno come tema: Uso del computer (sistema operativo) con 3 lezioni: 6 ore; Uso del processore di testi (MS Word) con 3 lezioni: 6 ore; Uso della posta elettronica (GMAIL) con 3 lezioni: 6 ore.

I corsi, a numero chiuso, sono riservati a 6 partecipanti per volta e si terranno tutti i giovedì dalle ore 18 alle ore 20. La preiscrizione è obbligatoria e va effettuata esclusivamente telefonando al numero di telefono: 329 6903 597. Presso il GIVIS è funzionante lo sportello legale per i migranti, aperto tutti i lunedì, dalle ore 18 alle ore 20 e sono attivi i corsi di italiano per immigrati.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 13 Febbraio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.