Dall’Uruguay al Varesotto per cantare storie di migranti

Lo spettacolo si chiama “Ma se ghe pensu…ricordi di emigranti” e sarà proposto nella serata di lunedì 11 settembre nella chiesa di san Pietro a Gemonio alle 21

varie

I ricordi dei migranti, cantati da un coro che arriva da Montevideo, capitale dell’Uruguay.

Il coro Gioia diretto dal maestro Esteban Tashdijan si è esibito a Santa Caterina del Sasso e alla Soms di Caldana insieme al Coro Prealpi del maestro Guido Paroni e al Coro Val Tinella del maestro Sergio Bianchi.

Lo spettacolo si chiama “Ma se ghe pensu…ricordi di emigranti” e sarà proposto nella serata di lunedì 11 settembre nella chiesa di san Pietro a Gemonio alle 21. La tournee del coro uruguagio proseguirà poi in giro per l’Italia da Padova ad Ancona fino a Roma, dove si esibirà nella basilica dei Santi Apostoli.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore