Area feste, nuovi serramenti e marciapiedi: il Piano triennale opere pubbliche

Approvato in giunta il piano per gli investimenti. C'è anche la previsione è di impegnare 700mila euro per dotare la città di un'area feste

comune gallarate municipio apertura

La giunta comunale presieduta dal sindaco Andrea Cassani ieri (lunedì 30 ottobre) ha approvato all’unanimità il piano triennale delle opere pubbliche 2018/2020.

«Il documento licenziato dall’esecutivo – premette il primo cittadino – è un “libro” dei nostri obiettivi, purtroppo vincolati alla presenza o meno dei fondi necessari per raggiungerli. Le entrate degli ultimi tempi non fanno ben sperare, ma abbiamo ugualmente ipotizzato un po’ più di quello che le attuali finanze ci consentono, nella speranza che nei prossimi mesi il trend possa invertirsi».

Rispetto al piano approvato nel 2016, saltano all’occhio i 700mila euro per la realizzazione dell’area feste (350mila mila nel 2018 e altrettanti nel 2019). «Si tratta – sottolinea Caqssani – di un’opera che avevamo annunciato in campagna elettorale e che riteniamo prioritaria perché è la cittadinanza a chiederla. Non è accettabile che Gallarate non sia dotata di una simile struttura, che invece antri Comuni hanno. Cassano Magnago, ad esempio, ha meno della metà dei nostri abitanti, ma può contare su di un’area attrezzata che, tra l’altro, funziona benissimo. E’ una mancanza alla quale bisogna rimediare». Il sindaco anticipa che è già stato individuato un terreno «di proprietà comunale» e che sono già in corso «le valutazioni del caso».

Il totale della spesa nel triennio raggiunge il suo picco nel 2019 con una previsione di 4 milioni e 120mila euro; nel 2018 il totale delle opere previste ammonta invece a 3 milioni 520mila euro e nel 2020 si scende invece a 2 milioni e 240mila euro. Gli impegni di spesa più cospicui sono ancora quelli alle voci “manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi” e “manutenzione straordinaria di edifici scolastici e impianti sportivi”: il totale per ognuno dei due capitoli è di 3 milioni di euro (un milione all’anno).

E per quanto riguarda gli interventi nelle scuole, l’assessore alla partita, Sandro Rech, annuncia nuovi contributi che andranno ad aggiungersi a quelli già previsti, a dimostrazione dell’attenzione dell’amministrazione comunale nei confronti dei nostri alunni: «Abbiamo previsto un capitolo speciale inerente la messa a norma di vetri e vetrate negli edifici scolatici per un importo stimato di 600mila euro».

Gli interventi di ristrutturazione della biblioteca civica di piazza san Lorenzo (dopo lo stop al progetto di nuova biblioteca, nel 2016) rappresentano ancora una parte consistente del piano, come spiega sempre il delegato ai Lavori pubblici: «Le opere di sostituzione dei serramenti in legno che dovranno essere uguali agli attuali essendo l’edificio vincolato, comporteranno una spesa vicina ai 350mila euro mentre la cifra di 600mila euro sarà destinata all’efficientamento energetico dell’immobile, sempre che non si riesca a impostare un partenariato pubblico privato che permetterebbe al Comune di spalmare tale cifra su un periodo decisamente più lungo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore