Il Comune annulla il concerto dei Punkreas ed è subito polemica con la Lega

La band avrebbe dovuto suonare sul palco del centro sociale Pertini il prossimo 25 Aprile ma l'amministrazione guidata dal leghista Fratus non ha concesso i permessi

concerto punkreas annullato

L’amministrazione comunale non ha concesso l’autorizzazione al centro sociale Pertini di Mazzafame  per il concerto dei Punkreas previsto per il 25 Aprile. La notizia è giunta ufficialmente oggi e le associazioni Salice Legnano, Associazione Laboratorio di Quartiere Mazzafame, Associazione Circolo S. Teresa Mazzafame hanno divulgato una lunga nota nella quale spiegano cos’è successo e cosa intendono fare per protestare contro la decisione del sindaco Gianbattista Fratus (che l’anno scorso, in campagna elettorale, non mancò di presenziare al concerto del 25 Aprile con la Bandabardò).

Da 4 anni, infatti, la manifestazione musicale che si svolgeva nel centro sociale era diventato l’appuntamento pomeridiano al quale non mancare a completamento delle celebrazioni organizzate dall’amministrazione comunale. Cambiata la giunta (in precedenza a targa Pd con Centinaio e ora a trazione leghista con Fratus) ecco che il luogo non è più adatto a concerti come quello dei Punkreas, storica punk band dell’Altomilanese che è uscita di recente con un nuovo singolo dal titolo U-soli, a sostegno della campagna per l’approvazione dello Ius Soli.

Di seguito la nota inviata dalle associazioni che gestiscono il centro.

Un ottimo riscontro di pubblico nel 2016 e nel 2017, con migliaia di giovani intervenuti, e anche di critica, sembrava avesse lasciato il segno e sancito il ruolo del concerto del 25 Aprile a Mazzafame come uno degli appuntamenti irrinunciabili per la Giornata della Liberazione a Legnano, in aggiunta ed a completamento delle manifestazioni istituzionali che da anni celebrano il 25 aprile a Legnano.

La mattina la manifestazione in Piazza San Magno ed il corteo con cerimonia al Cimitero, il pomeriggio la musica nelle due periferie, Olmina e Mazzafame, luoghi tra i più significativi della Resistenza nella nostra città.: la Banda all’Olmina e un concerto più diretto ai giovani a Mazzafame. Questo è stato negli ultimi anni il 25 Aprile a Legnano.

La ricostruzione dei ragazzi del centro sociale Il salice di Mazzafame

L’attuale Giunta ha invece rinunciato a mantenere questa eredità che vede coinvolti giovani, associazioni e volontari, decidendo di organizzare le altre manifestazioni e ostacolando l’organizzazione del Concerto fino a ottenerne il divieto, con la seguente sequenza: affermando che nulla sapeva nonostante le numerose richieste inoltrate. Comunicando via telefono che “il concerto non è previsto”. In seguito accettando un incontro con gli organizzatori nel quale, pur dichiarando disponibilità per il 2019, escludeva assolutamente alcun coinvolgimento dell’Amministrazione Comunale nell’organizzazione del concerto 2018. Rigettando nel giro di poche ore, con argomentazioni deboli e pretestuose, come “irricevibile” la richiesta presentata. Coinvolgendo la Polizia di Stato per (non si sa quali) questioni di ordine pubblico….. A questo punto la Polizia di Stato non può fare altro che intimare agli organizzatori di non svolgere la manifestazione.

Tutti sappiamo quanto sia importante investire proprio qui, dove il nostro impegno e quello dell’amministrazione comunale può contribuire a costruire una città migliore, anche secondo le aspettative che sono state sollecitate proprio con le ultime amministrative. E allora a chi giova la rinuncia di una manifestazione in periferia?
Non certo a riaffermare i valori della Resistenza fondamento della nostra Costituzione. In primis la libertà di espressione. Non certo alle organizzazioni e alle associazioni che animano il Centro Pertini, non ai numerosi
ragazzi del Salice Legnano e ai tanti giovani che si sono impegnati negli anni scorsi per mettere in campo l’iniziativa
Non certo alla vivacità culturale ed al buon nome della Città di Legnano,

Perché riteniamo che il concerto si debba tenere anche quest’anno. Perché la Festa della Liberazione, a Legnano, si rivolga ogni anno anche ai giovani cittadini! Perché la musica ha dimostrato le sue forti capacità di aggregazione e di richiamo! Perché le periferie devono essere protagoniste! Perché l’Amministrazione Comunale di Legnano, qualunque essa sia, consideri il Concerto a Mazzafame un evento irrinunciabile nella programmazione della Giornata del 25 aprile!

A fronte dell’atteggiamento di chiusura dell’Amministrazione Comunale che, di fatto, ha dimostrato non solo di non voler organizzare o collaborare, ma anche di voler vietare, Vietare proprio nel giorno delle Festa della Libertà, gli organizzatori e tutti gli aderenti vogliono dimostrare il senso di responsabilità e di rispetto della legalità che li contraddistinguono. Quindi viene mantenuto il programma pubblicato fatta eccezione per il concerto del gruppo Punkreas

Vi invitiamo comunque al Centro Pertini – Il Salice a festeggiare con noi. I Punkreas saranno presenti al pranzo sociale e durante la giornata a difesa dei valori della resistenza del 25 aprile. Sarà presentata a breve alla P.L. la richiesta di autorizzazione per un prossimo Concerto dei Punkreas, perché il 25 Aprile a Mazzafame è tutti i giorni.
La sfida di organizzare un evento musicale a ingresso gratuito, senza il supporto organizzativo e finanziario del Comune di Legnano, è grande.

Facciamo appello sin d’ora alle organizzazioni e ai cittadini di Legnano e dei territori limitrofi a sostenere le iniziative , intervenendo sia mercoledì 25 aprile che al prossimo Concerto dei Punkreas, dandoci un aiuto concreto aderendo all’iniziativa anche dal punto di vista finanziario. Coloro che vogliono collaborare/contribuire scrivano a ati.legnano.mazzafamemail.com

La band, naturalmente, non ha preso bene la decisione di annullare il concerto e ha diramato una nota in cui risponde a questa decisione. Lo pubblichiamo di seguito

Cosa è cambiato quest’anno? Due cose: i Punkreas e la nuova giunta di centrodestra a guida leghista.

Non è un mistero che non ci sono molte “simpatie” tra noi e la Lega ex-nord. Abbiamo già avuto qualche “problemino” qualche anno fa a Parabiago, ma soprattutto pare non sia stato gradito il nostro ultimo singolo “U-soli”.

Volevamo portare sul palco qualcuno dei meravigliosi bambini che hanno partecipato al video della canzone, (alcuni di loro legnanesissimi) e alimentare un dibattito che a nostro avviso deve essere ancora approfondito.

Ma la lega di oggi è evidentemente allergica al confronto.

Come è più probabilmente allergica ai valori della resistenza che sono alla base della nostra democrazia.

E’ grave,gravissimo che l’amministrazione di Legnano abbia deciso di non far celebrare adeguatamente il 25 aprile, ostacolandone lo svolgimento fino al punto di chiedere il divieto del nostro concerto.

Sarebbe grave,gravissimo che lo abbia fatto per impedire che in quell’occasione si esprimano idee e valori in disaccordo con le loro.

Noi mercoledì 25 aprile festeggeremo comunque la resistenza, senza fermarci a comunicati stampa e divieti. Saremo tutti presenti al Centro Pertini, e ci aspettiamo che la cittadinanza legnanese e gli antifascisti del territorio siano con noi e con gli organizzatori, per rivendicare che la resistenza non è solo un ricordo ma pratica quotidiana. La musica, come l’antifascismo, non si possono fermare.

Il video dell’ultimo singolo dedicato allo Ius Soli

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 23 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bellorinix

    bravo sindaco!

  2. Scritto da Bustocco-71

    Nulla di sorprendente, tra rappresentanti e rappresentati leghisti non molti hanno studiato la storia, né conoscono il significato di concetti tipo libertà di espressione.
    Sempre peggio, ma il leghista medio è sempre più contento.

Segnala Errore