Maxi monumento contro le mafie nel parco comunale

L'immagine di Falcone e Borsellino realizzata da Fabrizio Vendramin. Il sindaco Guzzetti: "Dentro a questo dipinto c'è un'idea di paese, di comunità"

Maxi monumento contro le mafie nel parco di Uboldo

È stato realizzato da Fabrizio Vendramin il maxi monumento contro le mafie voluto dall’amministrazione comunale di Uboldo nel parco pubblico di via Ceriani. Una riproduzione gigante dei giudici Falcone e Borsellino, reinterpretata con al centro un bambino neonato sorridente che non lascia dubbi sul significato che il Comune vuole trasmettere alla città. L’inaugurazione è avvenuta venerdì mattina, alla presenza del sindaco Lorenzo Guzzetti, del capitano dei carabinieri Pietro Laghezza, ma soprattutto dei bambini delle scuole cittadine.

Galleria fotografica

Maxi monumento contro le mafie nel parco di Uboldo 4 di 5

«Avevo 27 anni e qualche capello bianco in meno, i capelli più corti e giuravo in piazza quel caldo 24 giugno del 2009. Al termine del mio discorso inaugurale usai le parole “le persone passano, le idee restano” – spiega il primo cittadino Guzzetti -. Dentro a questo dipinto c’è un’idea di paese, di comunità. Quel dipinto è lì perchè ogni mattina tutti possiamo rammentare che la paura va combattuta col coraggio, sempre, ovunque, e che la battaglia per far prevalere la giustizia, la legalità, il senso del dovere e dello Stato inizia da noi, da ciascuno di noi. Dicevo oggi ai ragazzi che ciò che mi auguro è che vedendo questo dipinto tutte le mattine a qualcuno nasca la vocazione di dedicare la propria vita allo Stato come i nostri carabinieri (grazie al Capitano di Saronno Pietro Laghezza di esserci stato così come ai nostri carabinieri di Uboldo), i nostri agenti e le tante persone che lavorano ogni santo giorno per creare il miracolo di darvi sicurezza, legalità, servizi funzionanti, ospedali aperti e via discorrendo».

«Agli adulti rammentavo invece le parole di Falcone che chiudevano quella frase riportata sul dipinto: “Ognuno di noi deve fare la sua parte, piccola o grande che sia” – prosegue Guzzetti -. L’ho detto perchè a Uboldo magari possiamo imparare a stimarci di più, a fare di più , tutti, per la nostra comunità. Ognuno di noi in ruoli diversi è chiamato a fare qualcosa per la comunità, “la sua parte”. Ora di anni ne ho 36, ho qualche capello bianco in più e io “passo”, ma mi auguro che le idee restino. Restino nei miei cittadini, nei ragazzi, in tutte quelle persone che ho provato a servire con tutto il mio impegno e con tutto me stesso. Le idee che continueranno a camminare sulle gambe di altri. L’idea che servire lo Stato è una cosa bellissima perchè lo Stato non è di uno o di qualcuno ma è di tutti. Lo Stato siamo noi. Vivano, sempre, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, gli agenti della scorta e tutte le persone che hanno lasciato la loro vita il 23 maggio 1992 e il 19 luglio 1992».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 15 settembre 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Maxi monumento contro le mafie nel parco di Uboldo 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore