SaveMyChild, la tecnologia per salvare i bambini dimenticati in auto

L'idea non è inedita, ma la gallaratese Futura Group ha già pronta un'applicazione pratica, che sarà alla Maker Fair di Roma (insieme ad altre applicazioni)

Generico 2018

Si chiama SaveMyChild. È un piccolo cuscino che si inserisce nel seggiolino da auto dei bambini e che nasconde un intelligente sensore, che riesce a capire se il bimbo è a bordo e se la vettura è ferma da troppo tempo, lanciando nel caso una serie di allarme. L’idea non è nuova – anzi: si discute di introdurre l’obbligo di un sistema simile – ma la Futura Group di Gallarate l’ha già resa operativa con uno strumento pensato ad hoc.

L’azienda gallaratese – già nota per il successo della stampante 3D più venduta al mondo – si presenterà con SaveMyChild alla Maker Faire Rome 2018, un’importante occasione per presentare una serie di prodotti socially useful

Durante i tre giorni di manifestazione verranno eseguite delle dimostrazioni dal vivo di SaveMyChild, per mostrare come questo strumento è in grado di rilevare sia la presenza del bimbo a bordo, sia l’assenza di movimento della vettura per un tempo superiore alla semplice fermata, dovuta ad un semaforo o ad un rallentamento del traffico. Il dispositivo lancerà pertanto degli allarmi agli smartphones ad esso collegati avvisando dell’incauta dimenticanza.

Non è l’unica novità: Salvailnonno è invece la versione “attempata” del progetto precedente. Dedicato a tutti gli anziani che non hanno familiarità con gli smartphone e i servizi di messaggistica, questo “medaglione” permette di inviare degli Sms ad una serie di numeri telefonici pre-memorizzati, allertando amici e familiari se ce ne fosse bisogno. Sempre per un “bisogno sociale” nasce il Sensore Voc che ci permette di analizzare la qualità dell’aria di una stanza (per capire se è ora di aprire le finestre ed ossigenare un po’ l’ambiente) o di uno spazio esterno (andando a valutare le microparticelle in sospensione). Ben più impegnativi sono invece il Sensore di Terremoti e il Sensore di Temporali che permettono di valutare rispettivamente le scosse del sottosuolo e l’avvicinarsi di un temporale.

Non mancheranno inoltre le stampanti 3D nelle versioni più recenti 3D4040 con un piatto di stampa di dimensioni notevoli, che permette di ottenere oggetti tridimensionali fino a 64.000 cm cubi e la golosissima 3DCHOCO per la realizzazione di oggetti in cioccolato.
Un BraccioRobotico di tipo educational, sarà inoltre in funzione per tutti i giorni della manifestazione. Mentre tra i progetti della serie “entertainment” sarà possibile cimentarsi a suonare il SoundWall un curioso muro sonoro dove delle “touch-notes” produrranno, al tocco, ognuno il proprio suono.

Per i più virtuosi invece, sarà impossibile resistere alla tentazione di suonare la scenografica ArpaLaser una vera e propria arpa di dimensioni reali, che può essere suonata “pizzicando” delle corde create da fasci di luce laser colorati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore