Vicino alla sala slot spunta il murales contro il gioco d’azzardo

È stato realizzato sull'ingresso del parcheggio coperto in centro. Fa parte del progetto #azzardotivinco e mette in guardia i fagnanesi che hanno speso più di 13 milioni di euro nel 2017

azzardo ti vinco wg art fagnano olona

“Ma cosa vuole dire?”, “Ma chi è?” “Posizione ottimale!”… di sicuro i commenti non sono mancati dopo la realizzazione del murales. La scelta strategica del posteggio comunale di via Bellini, non lontano da una sala slot, e l’idea dell’artista di lasciare il muro così naturale con tutti i suoi difetti, lo ha reso ancora più pesante ed opprimente così come è il gioco d’azzardo.

«Questa Amministrazione continuerà a sostenere e promuovere i progetti proposti da AND visti i dati allarmanti sia nel nostro Comune che in tutta la provincia di Varese» – afferma Giuseppe Palomba, Assessore con diverse deleghe, tra cui Cultura, Pubblica Istruzione e Politiche Giovanili.

Secondo i dati forniti da AMMS, nel 2017 a Fagnano ben 5.610.284,59 euro sono stati spesi alle slot e 2.960.388,39 nelle VLT; a questi si aggiungono 1.423.403,08 euro finiti nelle lotterie istantanee (Gratta&Vinci) e 3.091,41 euro nelle lotterie tradizionali (in crescita rispetto al 2016). «Cifre esorbitanti – prosegue l’Assessore Palomba – se pensiamo che a buttare così tanto denaro nel gioco d’azzardo ci sono anche i cittadini di Fagnano Olona che inseguendo l’illusione di una vincita o la speranza di cambiare la propria vita, in realtà finiscono per privare di risorse e di possibilità sé stessi, la propria famiglia, i propri figli, cambiando il proprio futuro purtroppo in peggio».

«L’immagine scelta per Fagnano (un uomo schiacciato da una fiche) ben rappresenta il peso che le persone che si sono ammalate o che si ammaleranno di azzardo sopportano, che si aggiunge al peso che investe i loro familiari» – afferma Daniela Capitanucci, Socio Fondatore dell’Associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze che ha seguito dal punto di vista scientifico i lavori «proprio a loro ci rivolgiamo per dire che è possibile affrontare il problema».

E per tutta la cittadinanza il Comune di Fagnano proseguirà la campagna di sensibilizzazione, anche attraverso incontri a tema e organizzazione di mostre fotografiche: molte saranno le armi messe in campo per dire un domani #azzardotivinco. «La collaborazione tra WG Art, AND e i Comuni aderenti al Progetto – aggiunge l’Architetto Ileana
Moretti, fondatrice dell’Associazione WG Art (www.wgart.it) – ha permesso di lanciare, attraverso forme
di comunicazione artistica alternativa e vicina al mondo dei giovani, un messaggio forte con finalità sociali e culturali.  Ognuno dei murales realizzati dall’artista Seacreative (www.seacreative.net) nel territorio varesino (Vergiate, Cavaria, Castellanza e Fagnano) vuole sensibilizzare tutta la cittadinanza sulle conseguenze negative di un problema, l’azzardo, che nulla ha a che fare con il gioco».

L’azzardopatia è infatti una dipendenza insidiosa e drammatica che può colpire chiunque, ma da cui si può uscire con interventi specialistici; per informazioni e consulenze, è possibile prenotare un appuntamento allo Sportello dell’Associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze (339 3674668).

Il progetto “LiberANDoci dall’overdose dal gioco d’azzardo”, finanziato da Regione Lombardia, si è concluso a fine giugno e ha visto il Comune di Samarate capofila, insieme ai Comuni di Albizzate, Angera, Arsago Seprio, Azzate, Besnate, Buguggiate, Brunello, Cairate, Cardano al campo, Casorate Sempione, Cassano Magnago, Castellanza, Cavaria, Fagnano Olona, Ferno, Gallarate, Ispra, Jerago con Orago, Lonate Pozzolo, Morazzone, Oggiona con Santo Stefano, Somma Lombardo, Taino, Vergiate, oltre agli uffici di Piano di Zona di Azzate, Sesto Calende, Gallarate, Somma Lombardo e all’Azienda Speciale Medio Olona.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore