Terzo binario Gallarate-Rho, arriva il nuovo progetto

I comitati contrari al potenziamento della linea con nuove rotaie terrà un incontro e denuncia: "Troppo impattante". Il Pd polemizza con la Regione accusandola di scarsa chiarezza

binari

Il progetto del terzo binario Gallarate-Rho riparte davvero. A sei anni di distanza dalla bocciatura del precedente progetto, non è più solo questione di volontà politica o di risorse: stavolta si parla del progetto, quello vero. Che divide ora (o ancora) sostenitori e contrari all’opera di potenziamento con nuovi binari della linea Gallarate-Rho, una delle più sovraccariche e problematiche in Lombardia. Mentre già si affaccia il tema della trasparenza sull’opera.

Andiamo per ordine. I fondi per la realizzazione dell’opera erano stati confermati lo scorso anno, ora il tema viene rimesso sul piatto con forza dal Comitato Rho-Parabiago, quello che si oppone al quarto binario che si spingerebbe appunto dalla metropoli fino a Parabiago (oltre, verso Gallarate, ce ne sarebbe solo un quarto). Per il comitato il progetto «resta sostanzialmente lo stesso, incompatibile per il contesto abitato dei paesi lungo la tratta, gravemente impattante per il nostro territorio», denunciano, annunciando un incontro pubblico di presentazione per mercoledì 19 dicembre alle 21 a Vanzago, alla Casa delle Associazioni di via del Lazzaretto. Il Comitato ribadisce la sua «ferma opposizione».

E il fronte a favore? Fin qui non si è esposto in prima fila. Certo, c’era stata l’uscita dei comitati pendolari della zona Nord-Ovest, che avevano chiesto di pensare al potenziamento e chiedevano a Regione Lombardia di prendere una posizione pubblicamente. Ecco, appunto, la Regione? Fin qui è rimasta silente, tenendo un basso profilo, anche se poi su altri tavoli (come quello per la Gallarate-Malpensa) veniva confermato ufficiosamente che l’iter del progetto (che è proposto da Rfi, gestore della rete Fs) proseguiva spedito. Si parla di Pedemontana, talvolta di Tav, ma assai meno dell’opera che tocca una delle linee più utilizzate in Lombardia.

Anche dalle file dell’opposizione c’è più di una perplessità sulla posizione di Regione Lombardia: «Abbiamo chiesto alla Regione di visionare il progetto definitivo del potenziamento della Rho-Gallarate, quello approvato dal Consiglio superiore dei lavori pubblici a inizio anno, e ci è stato risposto dagli uffici che non l’hanno mai ricevuto» dicono i consiglieri regionali del Pd Pietro Bussolati e Samuele Astuti. «In Regione il progetto, con le modifiche chieste dall’organismo ancora nel 2014 e ottenute pochi mesi fa, non c’è e non è stato analizzato. Ora leggiamo che il comitato Rho Parabiago l’ha visionato ed esaminato e ne parlerà in un incontro pubblico. Forse il comitato è più motivato della stessa Regione a conoscere i dettagli del progetto? Questo episodio dimostra ancora una volta che Palazzo Lombardia non considera il potenziamento della Rho Gallarate, pur con tutte le osservazioni del territorio, come una vera priorità». Mentre sull’opera il Pd ha una posizione favorevole, come intervento necessario, seppur da inserire in un contesto difficile.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 14 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore