C’è anche la torre civica tra i luoghi aperti per le giornate Fai di Primavera

Sarà aperta al pubblico per la prima volta la Torre Civica di piazza Monte Grappa. E' la grande novità delle giornate Fai di Primavera, previste sabato 23 e domenica 24. Nell'articolo anche gli altri luoghi aperti in provincia

Preswntazione giornate fai di primavera

Sarà aperta al pubblico per la prima volta in 70 anni: è la Torre Civica di piazza Monte Grappa a Varese la grande novità delle giornate Fai di Primavera in provincia, che sono state presentate questa mattina in camera di Commercio e si terranno sabato 23 e domenica 24 marzo.

La visita – guidata dal gruppo di Fai Giovani, che ha già reso possibili le visite al grand Hotel campo dei Fiori di Varese  –  si potrà fare per tutti i cittadini sabato 23 e per i soli tesserati Fai domenica 24, dalle 10 alle 18. La salita dipenderà da una sorta di miniprenotazione nei giorni stessi delle giornate fai: dalle 9 in poi di sabato 23 si potrà prendere il biglietto che definisce l’orario di salita all’info point di piazza Monte Grappa o davanti all’entrata della torre: sarà possibile infatti salire solo in 10 per volta, ed è necessario regolamentare le entrate.

Una visita non per tutti, visto che è necessario salire 297 gradini per godere della vista: ma il risultato sarà quello che vedete nel video.

LA DIRETTA DALLA TORRE CIVICA

La torre Civica verrà aperta grazie all’iniziativa del Gruppo Fai Giovani Varese, che hanno deciso di chiamare l’esperienza “Varese con vista: la piazza, la torre, il palazzo”.

Oltre alla salita fino al culmine della Torre Civica, da oltre settant’anni chiusa al pubblico, la visita comprende anche piazza Monte Grappa, e la Sala Campiotti della Camera di Commercio e ammirare gli affreschi dall’artista Giuseppe Montanari, esponente del Novecento italiano., nonchè conoscere, attraverso la documentazione originale, il progetto di riqualificazione di Piazza Monte Grappa del 2005 a cura dell’artista e designer Marcello Morandini .

GLI ALTRI LUOGHI APERTI A VARESE E DINTORNI

Ma altri luoghi in provincia saranno aperti nelle giornate Fai di Primavera.

Con la delegazione di Varese, ad esempio, Si andrà alla scoperta dell’antico Borgo di Mustonate dove, dopo oltre un secolo di completo abbandono, si è realizzato un importante recupero architettonico e paesaggistico. Oggi il borgo, incastonato in uno splendido paesaggio campestre meraviglioso, dispone di un’ecosostenibilità integrata fra residenza, sport equestri e recupero di sapori locali e il Mustonate Equestrian Center costituisce un’eccellenza italiana per le varie discipline equestri. La struttura e le vastissime scuderie, articolate su due livelli, sono uniche in Europa.

Si potrà riscoprire inoltre l’edificio dell’ex Ospedale Psichiatrico di via Ottorino Rossi per ammirarne la struttura architettonica razionalista realizzata negli anni trenta del secolo scorso, non più operativa dopo la legge Basagli e ora sede di alcune realtà Asl e di alcuni dipartimenti dell’università dell’Insubria.

Nella sala consigliare del Comune di Barasso si potrà invece visitare una mostra delle sculture realizzate dal grande scultore varesino Vittorio Tavernari, che a Barasso aveva il suo atelier. Il FAI e il Comune di Barasso desiderano ricordare Vittorio Tavernari nell’anno del centenario della sua nascita, grazie anche alla disponibilità dei figli dell’artista. Saranno presentati anche documenti provenienti dall’archivio Tavernari, come foto e lettere autografe di amici artisti (per esempio Fontana e Guttuso), mentre gli Apprendisti Ciceroni dell’istituto ISIS di Varese, oltre a fare da guida nel percorso espositivo, inviteranno anche all’utilizzo di una mappa interattiva che mostra le principali realizzazioni dello scultore presenti sul nostro territorio.

Con la delegazione Fai di Valcuvia, Luino e Verbano Orientale si andrà a scoprire la Maccagno “Imperiale”: l’itinerario proposto, con partenza dal piazzale antistante la Chiesa di Santo Stefano, mira alla scoperta di uno dei più suggestivi, ma meno noti, centri del lago Maggiore, cresciuto nei secoli attorno al castello, in una ristretta e ripida fascia di terra tra i monti e le acque del lago, attorno a un golfo riparato dai venti e chiuso da un promontorio scenograficamente dominato dalla chiesa della Madonnina della Punta e da una possente torre di avvistamento che ancora svetta sull’alto dell’abitato. Il tracciato ben leggibile delle contrade e del castello testimoniano che Maccagno Inferiore fu, per quasi otto secoli, un feudo imperiale, isola extraterritoriale sottratta al corso della storia perché dipendente direttamente dall’imperatore del Sacro Romano Impero.

Una altra meta in zona sarà la centrale idroelettrica ENEL di Roncovalgrande , situata sempre nel territorio del comune di Maccagno, nei pressi del confine italo/svizzero a nord della provincia di Varese. L’impianto di Roncovalgrande è una delle opere di ingegneria più importanti presenti in Italia: l’accesso avviene dall’ampio piazzale situato a ridosso del Lago Maggiore che ha costituito il punto d’arrivo delle condotte e dei macchinari che per le loro dimensioni hanno dovuto raggiungere la centrale per via lacuale. Si tratta infatti di uno dei più grandi impianti di generazione e pompaggio presenti in Italia, realizzato in una caverna scavata interamente nella montagna.

L’ORARIO DELLE APERTURE

Delegazione di Varese

(Borgo di Mustonate – ex Ospedale Psichiatrico – Mostra dedicata a Tavernari)

Sabato 23 marzo : dalle ore 14.00 alle ore 18.00 (ultimo accesso alle ore 17.30)
Domenica 24 marzo: orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo accesso alle 17.30)

Gruppo FAI giovani di Varese

(Piazza Monte Grappa e Sala Campiotti in Camera di Commercio – Torre Civica)

Sabato 23 marzo : orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo accesso alle 17.30)
Domenica 24 marzo: orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo accesso alle 17.30)

NB: PER LA TORRE CIVICA: Accesso limitato fino ad esaurimento posti Sabato 23 marzo: VISITA APERTA A TUTTI dalle ore 10.00 alle ore 18.00 – Domenica 24 marzo: ACCESSO CONSENTITO SOLO AGLI ISCRITTI FAI (con possibilità di iscrizione in loco) dalle ore 10.00 alle ore 18.00

Delegazione di Valcuvia, Luino e Verbano Orientale

(Alla scoperta di Maccagno imperiale – centrale idroelettrica Enel di Roncovalgrande)

Sabato 23 marzo: dalle ore 14.00 alle ore 18.00 (ultimo accesso alle ore 17.30)
Domenica 24 marzo: orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 18.00 (ultimo accesso alle 17.30)

NB: PER LA CENTRALE IDROELETTRICA DI RONCOVALGRANDE: – VISITA RISERVATA AGLI ISCRITTI FAI (con possibilità di iscrizione in loco)

 

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 15 marzo 2019
Leggi i commenti

Video

C’è anche la torre civica tra i luoghi aperti per le giornate Fai di Primavera 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore