Lavoratori Metro in sciopero: “Azienda sana ma che chiede sacrifici da crisi”

Giornata di mobilitazione dei lavoratori contro la decisione dell'azienda di annullare il contratto integrativo per i dipendenti. A Castellanza adesione all'80%

sciopero metro

Una giornata di sciopero, proprio nel lungo weekend di Pasqua. I lavoratori di Metro, la nota catena di supermercati all’ingrosso, hanno incrociato le braccia in tutti i 49 punti vendita d’Italia con una giornata di mobilitazione che ha coinvolto anche il punto vendita di Castellanza.

«Ci fermiamo dopo la rottura delle trattative per il rinnovo del contratto integrativo e per protestare contro l’atteggiamento della nuova direzione nei confronti dei lavoriatori» dice Mario Barbera, RSU di Metro Castellanza. Dal 31 marzo scorso l’azienda ha infatti disdetto il contratto integrativo per i lavoratori dopo un lungo tavolo di trattativa «in cui l’amministrazione diceva di voler omogenizzare tutti i contratti aziendali, peccato che fossero tutti in senso peggiorativo». Si parla infatti di aumento degli orari di lavoro, abbassamento dei premi, nuova gestione dei turni e soppressioni dei contributi ai Cral aziendali: tutte proposte che i sindacati, in maniera unitaria, hanno respinto al mittente.

«Sono le richieste che normalmente fanno le aziende in crisi ai propri dipendenti, ma Metro è una società sana e con tutti i conti in ordine» spiega Stefano Rizzi, sindacalista della FilcamsCgil di Varese. Un contratto integrativo che è stato firmato una quindicina di anni fa e che ora l’azienda vuole abbandonare. Il problema in questo caso per i lavoratori avrebbe un nome: Tanya Kopps, la nuova amministratrice delegata del gruppo arrivata da poco dagli Stati Uniti.

Metro in Italia dà lavoro a 4.900 persone e di queste 120 sono nel punto vendita di Castellanza, dove oggi circa l’80% ha scioperato. Ora la speranza è quella che la mobilitazione riporti il management dell’azienda a sedersi di nuovo al tavolo delle trattative.

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 19 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore