Pro Patria, momento magico. Vittoria anche ad Alessandria

Fietta e Gucci siglano le reti dei tigrotti che riescono ad espugnare il "Moccagatta" 2-1. Non bastano ai grigi il penalty realizzato da Santini e il forcing finale

Pro Patria - Siena 1-1

Una Pro Patria corsara sbanca il “Moccagatta” di Alessandria con un 2-1 frutto di un inizio di partita indiavolato, che ricalca un po’ la partita di Champions Manchester City-Tottenham: due gol nei primi 6 minuti di contesa, rispettivamente di Fietta e di Santini su rigore.

Nella ripresa invece ci pensa Gucci a riportare in vantaggio i tigrotti, che non lo molleranno più fino alla fine della partita. La trasferta non sembra più essere un problema, questa è la seconda vittoria di fila lontano dallo “Speroni”, e complessivamente il quarto risultato utile consecutivo che proietta la squadra di Javorcic ad un post-season da “scheggia impazzita” del girone, come detto proprio dal tecnico croato in un’intervista recente al sito di Gianluca Di Marzio.

IL PRIMO TEMPO – Inizio di partita con i fuochi d’artificio: al 3’, dopo il primo calcio d’angolo della partita, Le Noci effettua un tiro-cross insidioso, che in qualche modo Cucchietti tocca, non potendo però evitare il tap-in di Fietta, che porta così in vantaggio i suoi. Il vantaggio dura pochissimo, perché al 5’ Santini sguscia in area e viene buttato giù da Zaro. Per l’arbitro è calcio di rigore e giallo per il difensore tigrotto. Sul dischetto si presenta lo stesso Santini, che è freddissimo e spiazza Tornaghi, ripristinando equilibrio e parità. La partita ha un che di frizzante, le squadre non hanno paura e si affrontano a viso aperto. Al 17’ Geminiani mette in mezzo per Santini, ma il suo colpo di testa è debole e non crea problemi alla difesa bustocca. Al 27’ Le Noci approfitta di un calcio piazzato da 25 metri per provare una conclusione tagliata, che trafigge la barriera per poi finire ammansita tra le braccia di Cucchietti. Sul ribaltamento di fronte arriva la grande giocata di Akammadu, che servito da dietro stoppa di petto e rovescia, con la palla finisce fuori di poco. Sono minuti di fuoco per la Pro, in particolare per Disabato: al 30’ scippa Maltese dando via ad un grande contropiede. Entrato in area, il capitano non è lucido nel tirare e viene a sua volta derubato dallo stesso Maltese. Tre minuti dopo il numero 8 tigrotto sfrutta una respinta di testa avversaria per calciare al volo, la palla si stampa sul palo e sulla respinta Gucci non riesce a centrare la porta da pochi passi. Il primo tempo si conclude al 46’ con un gol annullato a Gucci, che controlla bene e batte Cucchietti, ma che nello smarcarsi secondo l’arbitro Feliciano commette fallo su Gazzi.

LA RIPRESA – Alla prima occasione del secondo tempo la Pro Patria ritrova il vantaggio: la squadra di Javorcic esce bene dal pressing e va sulla destra da Disabato, che trova un gran cross sul secondo palo dove c’è Gucci completamente libero di colpire di testa. Cucchietti intuisce ma non può impedire il secondo gol tigrotto. Dopo il gol la partita si addormenta, anche se l’Alessandria cerca di spingere per trovare il gol del pareggio che le permetterebbe di rimanere in corsa per i play-off. La Pro Patria però fa buona guardia e non rischia praticamente niente. Al 72’ Santini reclama un rigore dopo un’azione confusa in area bustocca, ma per l’arbitro non c’è niente. Al 79’ scalda il mancino il neo-entrato Santana, ma la sua conclusione è debole e viene controllata da Cucchietti. La partita si conclude con un brivido per i tigrotti: al 94’ De Luca da dentro l’area spreca la palla del pareggio, il suo sinistro finisce fuori di un niente e consegna i tre punti alla Pro Patria.

ALESSANDRIA – PRO PATRIA 1-2 (1-1)

Marcatori: 3′ p.t. Fietta (PP), 6′ p.t. Rig. Santini (ALE), 6′ s.t. Gucci (PP).

US ALESSANDRIA 1912 (3-4-1-2): 22 Cucchietti; 14 Sbampato, 24 Gazzi, 3 Agostinone (9′ s.t. 23 Panizzi); 25 Gemignani, 10 Maltese, 21 Bellazzini (9′ s.t. 20 Checchin), 19 Badan (17′ s.t. 11 Sartore); 26 Tentoni (27′ s.t. 30 Rocco); 7 Santini, 16 Akammadu (9′ s.t. 9 De Luca). A disposizione: 1 Pop, 5 Zogkos, 6 Delvino, 13 Gerace, 15 Gjura, 17 Usel, 18 Coralli. All. Colombo.

AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Tornaghi; 5 Molnar, 19 Zaro, 18 Lombardoni; 27 Cottarelli (36′ s.t. 20 Mora), 13 Gazo (20′ s.t. 21 Colombo), 16 Fietta, 8 Disabato (20′ s.t. 24 Pedone), 25 Sane (44′ s.t. 3 Galli); 10 Le Noci (20′ s.t. 11 Santana), 9 Gucci. A disposizione: 12 Mangano, 2 Marcone, 7 Parker, 15 Boffelli, 17 Mastroianni. All. Javorcic.

ARBITRO: Ermanno Feliciani di Teramo (Francesca Di Monte della Sezione di Chieti e Marco Vitale della Sezione di Ancona).

Angoli: 6 – 4. Recupero: 1′ p.t. – 6′ s.t. Ammoniti: Zaro, Sane, Colombo (PP); Santini (ALE). Note: Serata fresca e serena. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 1383.

di
Pubblicato il 18 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore