La Cassazione conferma l’assoluzione per i manager Fimeccanica e Agusta

Dopo la condanna in appello e l'assoluzione nell'appello bis, arriva il proscioglimento definitivo per Giuseppe Orsi e Bruno Spagnolini

giuseppe orsi ennio amodio finmeccanica

Confermato dalla Cassazione il proscioglimento dall’accusa di corruzione internazionale e false fatture per gli ex ad di Finmeccanica e Agusta Westland, Giuseppe Orsi e Bruno Spagnolini, in relazione alla vicenda delle presunte tangenti per la fornitura di elicotteri all’India (nella foto Orsi con il suo legale, avvocato Amodio).

La Corte ha respinto il ricorso del Procuratore Generale di Milano contro la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Milano l’8 gennaio 2018. Respinti anche i ricorsi dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero della Difesa dell’India.

Il processo era iniziato al tribunale e per iniziativa della Procura di Busto Arsizio, competente perché la sede di Agusta Westland era allora a Cascina Costa di Samarate.  Dopo il primo grado, in appello erano arrivate due condanne nel 2016, ma l’appello bis aveva rovesciato il verdetto nel 2018, con una assoluzione.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore