Equitazione e bocce, connubio vincente per i disabili

Un fine settimana di sport e amicizia nel quale la disabilità è riuscita a scomparire per lasciare spazio al protagonismo della solidarietà

Bocce varie

Figurarsi se Giove sarebbe stato disposto anche quest’anno ad abdicare alla sua amata prerogativa di “pluvio”. Già la congiura ordita dagli dei nel 2018 – da Giunone in particolare – per impedirgli di scaricare le sue folgori, come di consueto, sui cavalieri che si cimentavano nei campi del Riding Club di Casorate l’aveva parecchio contrariato, per cui non gli è sembrato vero di poter scatenare un mezzo fortunale nella giornata di sabato 22 giugno, facendo sospendere di fatto, con sua enorme soddisfazione, tutte le competizioni, sia di dressage, che di petanque.

Nell’edizione del precedente meeting internazionale di paradressage era emerso un inusuale interesse per il connubio con una specialità sportiva che non ha affinità naturali con l’equitazione, eccetto le lontanissime radici culturali e storiche: il gioco delle bocce, specialità petanque. Perché petanque? Per la sua possibilità di essere praticata ovunque, su ogni terreno, senza obbligo di strutture . Accanto alle zone sabbiose per il dressage, gli spazi aperti nei boschi di Somma Lombardo e Casorate, adatti al passaggio dei cavalli, ben si prestano al lancio delle piccole bocce metalliche che sono gli arnesi del mestiere di questa branca dello sport boccistico.

Organizzazione non semplice, seppure suddivisa per i due settori, ma l’assiduo impegno, di Danilo, Diana e Luca Maestrello, supportati da uno staff quanto mai ampio e agguerrito e , per la petanque, di Paolino Bistoletti, Emilio Cattaneo e Anna Sculli, ha ottenuto la ripetizione e soprattutto il successo del primo atto. L’esibizione dei cavalieri, ripartiti nelle cinque diverse categorie in funzione del livello di disabilità, che ha visto la partecipazione della campionessa mondiale Sara Morganti – plurivincitrice anche in questa manifestazione – è stata coinvolgente, anche perché l’ambiente naturale nel quale si è snodata la manifestazione ha contribuito a donare, con generosità, il fascino impareggiabile della brughiera, diventata anch’essa protagonista.

Bocce varie

Quest’anno, poi, il meeting, rientrando nel circuito selettivo per le paraolimpiadi di Tokio, ha annoverato la presenza di una dozzina di delegazioni provenienti non solo dall’Europa – Russia molto numerosa – ma anche da Hong Kong. A fianco delle evoluzioni dei cavalieri le due gare di petanque, individuale e coppia, disputate in memoria di Paola Cellini, giovane disabile recentemente scomparsa, hanno goduto della presenza degli atleti FISDIR di Vharese. Ha prevalso per l’individuale Emanuela Napoli su Fabio Tenconi, mentre nella coppia il successo ha arriso a Stefania Capece/Joseph Guzzi, a dimostrazione che il recente titolo italiano conquistato a Loano dai fratelli Tenconi, nella specialità raffa, non si è
rivelato sufficiente ad intimorire gli avversari – le donne soprattutto – che hanno esercitato in modo deciso il loro desiderio di vittoria. Tanto entusiasmo intorno agli attori: oltre ad Antonio e Fabio Tenconi, Stefania Capece, Fabio Cattaneo, Joseph Guzzi ed Emanuela Napoli, sono stati capaci d’interpretare la petanque con maestria davvero inattesa, considerato il diverso approccio che questa diffusissima forma di gioco delle bocce esige.

Quindi un fine settimana di sport e di vera e profonda amicizia nel quale la disabilità è riuscita a scomparire per lasciare lo spazio al protagonismo della solidarietà: come lo splendido manifesto ideato da Gaetano Brandini cita: «Con cuore e volontà».

PILLOLE DI BOCCE
Venerdì 21 – Voldomino – Finale Trofeo Gorizia

1) Walter Barilani – Alto Verbano
2) Luciano Croci – Gorla Maggiore
Direttore di Gara Osvaldo Demo
Lunedì 24 – Cedraie – inizio Trofeo Cedrate.
Sabato 22 – Castronno – Finale Bocc. Risorgimento
1) Davide Rocca – Renese
2) Maurizio Croci – Malnatese
Giovedì 27 – Caiello – Finale regionale
Venerdì 28 – Cairate Finale Bocc. Stella

di
Pubblicato il 27 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore