A Santa Caterina, la prima Debate Academy italiana

Da lunedì 17 e fino a venerdì 28 giugno a Villa Bassetti si tengono due campus estivi di debate e sport per gli studenti delle scuole superiori

decate a leggiuno

Da lunedi 17 giugno e  fino a venerdì 28 giugno,  Villa Bassetti, di proprietà della Provincia di Varese, nella suggestiva cornice dell’eremo di Santa Caterina del Sasso, ospita due
edizioni della prima Debate Academy italiana: due campus estivi di debate e sport a cui partecipano studenti delle scuole superiori di tutta Italia.

I giovani partecipanti sono stati accolti da un caloroso benvenuto della Preside dell’istituto ITE E. Tosi, Nadia Cattaneo, che ha spiegato loro l’importanza e la responsabilità di essere i pionieri di
questo progetto, che all’estero ha consolidate tradizioni.

Per tutta la prima settimana i 23 partecipanti hanno alternato l’attività di Debate in ingleseguidata dal formatore Miha Andric, figura di spicco nel mondo internazionale del dibattito, e
l’apprendimento delle basi della vela, presso la scuola Top Vela di Tiziano Nava a Laveno.

La Debate Academy continuerà, con la partecipazione di altri 25 studenti, dal 24 al 28 giugno con la sessione in lingua italiana, guidata dal formatore Matteo Giangrande, autore del libro “Debate. Pratica, teoria e pedagogia”, edito dalla Pearson, e con il proseguimento delle attività di vela.

Il progetto, fortemente voluto e sostenuto da Benedetto Di Rienzo presidente della Fondazione Giuseppe Merlini, da Vanna Colombo Bolla presidente dell’associazione NoiDelTosi e da Nadia Cattaneo presidente della Società Nazionale Debate Italia, propone un ricco programma di attività,
dialettiche e motorie, che hanno come obiettivo quello della partecipazione attiva, del lavoro di squadra e del confronto e che hanno riscontrato fin da subito un forte entusiasmo ed interesse da
parte dei ragazzi.

Con queste attività continua e si arricchisce, con una modalità innovativa per l’Italia, la diffusione del Debate nell’ambito del progetto DebateItalia, che, dopo le Olimpiadi dello scorso mese di
marzo, ha visto moltiplicarsi in tutte le regioni italiane eventi in cui gli studenti di diversi scuole si sono incontrati in tornei che li hanno visti confrontarsi in dibattiti intensamente partecipati,  elegantemente condotti, vissuti con divertimento e alto senso di partecipazione civica.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore