A Gallarate arriva il primo defibrillatore condominiale

Lo stabile comprende abitazioni, uffici e negozi, per questo l'amministratrice ha lanciato il progetto: alcuni condòmini hanno seguito il corso per usare l'apparecchio. È una sperimentazione che l'Associazione Amministratori di Condominio vuole estendere

Generico 2018

L’associazione nazionale amministratori di condominio vorrebbe farne un progetto nazionale. Ma in attesa che diventi universale, a Gallarate è già realtà: in via Cadolini c’è il primo defibrillatore condominiale della città, disponibile per gli abitanti, i frequentatori di uffici e negozi, ma anche semplici cittadini.

La scelta è stata fatta dal Condominio “Le Terrazze”, al 7 della via Cadolini, dentro al centro storico di Gallarate.

L’idea è dell’amministratrice dello stabile, Simona Colombo, ed è stata guidata anche dal fatto che nell’edificio hanno sede anche diversi uffici ed esercizi commerciali. Oltre che ai frequentatori del palazzo, il defibrillatore potrà essere utile anche per i semplici cittadini che passano in zona: sarà infatti posizionata una targa all’entrata del condominio, per segnalare la dotazione.

I defibrillatori in uso in luoghi pubblici o privati, fuori dagli ospedali, sono del tipo semiautomatico. Che è “facile” da usare, ma è consigliata comunque la formazione specifica di un responsabile: per questo alcuni condòmini hanno frequentato un apposito corso tenuto dagli operatori della Croce Rossa di Gallarate.

Ogni anno in Italia si contano circa 70mila arresti cardiaci, 10mila solamente in Lombardia. Soltanto il 5% dei pazienti colpiti riesce a sopravvivere perché in caso di arresto cardio-circolatorio la vera battaglia è quella contro il tempo: per ogni minuto che passa, difatti, le probabilità di sopravvivenza diminuiscono del 10% circa e il tempo medio di intervento da parte del 118 è, in media, di 12-15 minuti.
Indispensabile accorciare i tempi: solo pochi giorni fa l’Anaci Lombardia, in congresso a Somma Lombardo, ha lanciato un progetto proprio per l’installazione di defibrillatori nei condomini. In zona – appena fuori provincia – ci sono già esperienza avviate, ad esempio a Cerro Maggiore.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore