Nessuna finalista varesina a Miss Italia 2019

Presentate le prefinaliste lombarde: la più vicina alla nostra provincia è Martina Pagani, di Beregazzo con Figliaro (CO)

Generico 2018

E’ quasi arrivato al termine il tour Miss Italia Lombardia per l’ 80sima edizione del Concorso Miss Italia: giovedì 8 agosto tutte le ragazze titolate in partenza per le prefinali a Mestre sono state presentate al pubblico e alla stampa al Ristorante Casa Bianca di Calcinatello (BS).

Tra prefinaliste 2019 non c’è nessuna varesina: la pi vicina ai nostri territori è Martina Pagani, di Beregazzo con Figliaro.

Le prefineliste presenti ieri sono: Carolina Stramare, Miss Eleganza Lombardia, 20 anni, h 179, di Vigevano (PV), ha un diploma in lingue straniere e di professione fa la modella, nel tempo libero pratica equitazione a livello agonistico. Mariagrazia Donadoni, Miss Rocchetta Bellezza Lombardia, 18 anni, h 175, di Caprino Bergamasco (BG), diplomata al liceo linguistico, parla 4 lingue e la sua passione sono i cavalli, lavora come modella da quando aveva 14 anni.

Iryna Nicoli, Miss Miluna Lombardia, 20 anni, h 176, di Alta Valle Intelvi (CO), studia economia all’università svizzera, suona il saxofono da quando aveva 7 anni e il suo sogno è di lavorare nel mondo della moda. Gaia Trussardi, Miss Sport Lombardia, 21 anni, h 170, di Clusone (BG), frequenta la facoltà di Matematica a Milano; pratica danza classica, moderna e contemporanea da quando aveva 10 anni, lasciando in tenera età casa per iniziare da subito lo studio professionale della disciplina. Martina Pagani, Miss Sorriso Lombardia, 21 anni, h 178, di Beregazzo con Figliaro (CO), studentessa universitaria, lavora nell’azienda di famiglia e nel tempo libero lavora come modella. Giorgia Ubbiali, Miss Bella dei Laghi, 21 anni, h 180, di Dalmine (BG), la sua passione è lo sport, in particolare la pallavolo.

Fanno parte del gruppo delle pre finaliste ma non erano presenti ieri perché impossibilitate alla partecipazione: Sofia Plescia Miss Milano, 18 anni, h 174, di Milano, studia psicologia con indirizzo di canto, ballo e teatro, il suo sogno è di lavorare nel mondo della moda e della televisione. Sara Conti, Miss Cinema Lombardia, 18 anni, h 178, Very Normal Size taglia 44, di Albano Sant’Alessandro (BG), adora la danza che pratica da quando era piccola: Classica, Modern, Carattere e Hi Hop, e suona il flauto traverso da quando aveva 8 anni. Alessia Pasqualon, Miss BE_MUCH Lombardia, 22 anni, h 171, di Cassina de’ Pecchi (MI), è una make up artist e ama il ballo, è timida e sincera.

MISS ITALIA TORNA IN RAI

Il celebre concorso che, ogni anno, incorona dal 1939 la più bella d’Italia festeggia quest’anno un compleanno importante: 80 anni. La serata della finalissima sarà trasmessa il 6 settembre in diretta dal PalaInvent di Jesolo su Rai1 alle 21,15 e avrà il sapore di un vero e proprio show. Oltre alle 80 ragazze, che rappresenteranno tutta l’Italia, la serata potrà contare su una vera parata di star e sulla partecipazione di donne impegnate in diversi settori, che racconteranno sul palco le loro storie.

Tra le novità dell’edizione 2019 ci sarà quella che riguarda il voto: per la prima volta assoluta, attraverso il televoto, saranno solo gli italiani a casa, in tutte le fasi, e non le giurie specializzate, a decidere chi sarà la Miss da eleggere.

Altra novità: l’Orchestra in diretta, che accompagnerà i diversi avvenimenti della serata. Per le aspiranti Miss – che nell’arco della serata, passeranno da 80 a tre – sono previsti spazi dedicati alla moda, prove di talento e altre sorprese a cui gli autori stanno lavorando.

Patrizia Mirigliani, che dal 2002 è alla guida della manifestazione, si è detta soddisfatta e molto emozionata di questa serata speciale voluta da Rai Uno per celebrare Miss Italia e ha ricordato che l’edizione 2019 coincide con i 60 anni della gestione Mirigliani: suo padre, Enzo, il “Patron” assunse la guida del Concorso nel 1959. A lui, Miss Italia deve molta della sua fortuna.

Già a partire dal 26 agosto, inoltre, le prefinali del concorso, che si svolgeranno a Venezia Mestre, verranno raccontate e riprese, con dieci finestre all’interno del programma “La vita in diretta estate”, che seguirà anche il “dietro le quinte” della finale, raccontando prove e anticipazioni della serata.

 

 

di
Pubblicato il 09 agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Sicuramente se questo mio commento verrà pubblicato si innescheranno fior di polemiche ma sinceramente sono contento che non ci sia nessuna varesina. Mi piace pensare che le giovani donne varesine abbiano meglio da fare che andare a mostrare il proprio corpo e fare le belle statuine vendendosi a questa società puramente commerciale che cerca e vuole un determinato tipo di raffigurazione “da copertina”. Mi piace pensare che le donne varesine preferiscano studiare, lavorare, guadagnarsi il proprio spazio nella vita senza aver bisogno di essere umiliate e recitare in TV la solita parte delle belle senz’anima, dove il massimo della attività giornaliera consiste nel passare intere ore a truccarsi. Mi piace pensare che in questa società ed economia fortemente maschilista ci sia qualcuno che vada controcorrente. 50 anni di concorsi di bellezza non hanno fatto altro che rendere le donne più deboli e soprattutto rafforzare una certa immagino distorta della sessualità…è ora di far vedere che dietro a qualsiasi corpo, seno, girovita e fianchi c’è una persona. E’ ora che di fronte a questa Italia medievale qualcuno dica non ci sto. Quella che per me è sempre stata paragonabile ad una “fiera bovina” all’incanto sponsorizzata con i soldi del Canone RAI non è solo anacronistica ma socialmente pericolosa.
    Ma molto probabilmente la mancanza di concorrenti varesina non sarà causata da qualsivoglia spirito di rivalsa o cambiamento ma probabilmente da una pura combinazione di casistiche.

Segnala Errore